Vaccini, dichiarazione personale scolastico: cui prodest?

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La legge n. 119/2017, che ha convertito in legge il decreto n. 73/2017, prevede che docenti, dirigenti e personale ATA producano una dichiarazione sull’effettuazione o meno delle vaccinazioni obbligatorie. 

Vaccini, docenti ed ATA dichiarazione situazione vaccinale entro il 16 novembre. Modello Miur

Alla dichiarazione non deve comunque seguire alcuna azione, nemmeno nel caso in cui il personale non abbia fatto alcuna vaccinazione (o parte di esse) o nel caso non ricordi (il modello Miur lo prevede) se li abbia fatti o meno. La legge, infatti, non prevede che il personale debba poi vaccinarsi.

Vero è che trattandosi di una dichiarazione, ai sensi del DPR n. 445/2000, la scuola potrebbe effettuare dei controlli, ma è altrettanto vero che per le ASL non sarà facile controllare l’effettuazione delle vaccinazioni dichiarate ed effettuate da 30 a 40 anni fa e oltre.

La disposizione potrebbe, pertanto, rivelarsi un inutile aggravio di lavoro (e spreco di carta) per le istituzioni scolastiche. Così ha dichiarato su “Il Secolo XIX” il dirigente scolastico di un istituto comprensivo di Genova.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione