Vaccini, cosa fa la scuola per l’anno scolastico 2017/18

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Miur ha pubblicato, in data odierna, la circolare n. 1622 del 16 agosto 2017, peri fornire alle scuole indicazioni in merito all’obbligo delle vaccinazioni per i minori da 0 a 16, compresi i minori stranieri non accompagnati, introdotto dalla legge n. 119/2017 (legge di conversione del decreto-legge 7 giugno 2017, n. 73). 

La predetta legge attribuisce alle scuole nuove funzioni e compiti, consistenti, per l’anno scolastico 2017/18 (per tale anno la legge prevede disposizioni transitorie), nel richiedere ai genitori la documentazione attestante le vaccinazioni, l’esonero, il differimento o la richiesta di vaccinazione, e nella successiva comunicazione all’ASL di eventuali bambini non vaccinati.

I genitori, che non vaccinano i propri figli, vanno incontro a sanzioni pecuniarie da 100 a 500 euro.

L’adempimento degli obblighi di vaccinazione costituisce requisito di accesso per l’iscrizione ai servizi per l’infanzia e alle scuole dell’infanzia, comprese le scuole private non paritarie. Per gli altri gradi di istruzione (primaria e secondaria), invece, il predetto adempimento non costituisce requisito d’accesso o agli esami.

Per il prossimo anno scolastico, come sopra accennato, la legge prevede una fase transitoria, considerati i tempi di approvazione della stessa e i tempi delle iscrizioni.

Per l’anno scolastico 2017/18, dunque, la documentazione comprovante l’avvenuta vaccinazione o la dichiarazione o l’esonero, l’omissione o il differimento va presentata:

  • entro il 10 settembre 2017 per i servizi educativi e le scuole per l’infanzia, ivi incluse quelle private non paritarie;
  • entro il 31 ottobre 2017, per le scuole primarie e secondarie di I e II grado (e per i centri di formazione professionale).

La mancata presentazione della succitata documentazione, come indicato dalla circolare Miur, dovrà essere segnalata dai dirigenti scolastici alla ASL territorialmente competente entro 10 giorni dai termini prima indicati.

È possibile, inoltre, presentare una dichiarazione sostitutiva della predetta documentazione che, in tal caso, va poi presentata entro il 10 marzo 2018.  La mancata presentazione della documentazione dovrà essere segnalata dai dirigenti scolastici alla ASL territorialmente competente entro 10 giorni dai termini prima indicati.

Modello dichiarazione genitori

Vaccini, prime indicazioni Miur e modelli autocertificazione genitori e docenti. La circolare

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare