Vaccini, Anief: bene l’azione di Governo, presidi rispettino indicazioni Miur

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato Anief – Per il secondo anno consecutivo, l’estate diventa motivo di scontro sull’obbligo dei vaccini da effettuare o meno sui bambini fino a sei anni. Stavolta, però, il governo sta lavorando nella direzione giusta. Perché è un falso problema quello delle certificazioni e quello delle iscrizioni, considerando che l’eventuale obbligo-ricatto riguarderebbe appena un bambino su quattro della fascia d’età coinvolta. Quindi, la decisione presa dal Ministro della Salute, Giulia Grillo, di potersi iscrivere da subito anche senza la certificazione, operando in sede parlamentare per l’introduzione di un obbligo di tipo “flessibile”, è sicuramente lecita.

“Il legislatore – ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – sta intervenendo nel decreto Milleproroghe, con la trasformazione di un disegno di legge ad hoc che cambierà la normativa: prorogare di un anno l’obbligo è una decisione saggia. I dirigenti scolastici avranno anche le loro ragioni, per via di incombenze e carichi di lavoro impressionanti, ma non sono ‘sceriffi’: su questo punto, quindi, farebbero bene ad ascoltare le istruzioni del Miur. Perché sono diverse le prerogative e i diritti che su determinati aspetti entrano in causa e vanno valutati, al fine di non ledere i diritti di nessuno”.

“Secondo noi – continua il sindacalista Anief-Cisal – le polemiche di questi giorni risultano pertanto sterili, se non inutili, perché mettono in discussione il ripensamento dei parlamentari su una norma irragionevole che un anno fa di questi tempi era stata imposta per decreto, senza il necessario confronto con le parti coinvolte, ad iniziare dalle famiglie degli alunni. Una volta approvata la nuova norma, non vi sarà alcun problema: nemmeno sulle classi ghetto, altro motivo infondato di polemica. La verità è che soltanto un bambino su quattro frequenta le nostre scuole nel pre-obbligo scolastico e non c’è bisogno di dividere i bambini tra vaccinati e non vaccinati. Il resto è diatriba politica che a noi non interessa: come sindacato – conclude Pacifico – ci dobbiamo preoccupare di chi opera nella scuola, da docente e da discente. Tutti, nessuno escluso”.

Anief è stato l’unico sindacato della scuola ad opporsi al decreto Lorenzin sull’obbligo dei dieci vaccini, sin dal primo giorno, arrivando ad impugnare la norma in tribunale, sia perché lesiva del diritto all’istruzione, da parte di tutti i bambini, nessuno escluso, sia perché lo Stato con la sua approvazione ha sforato di gran lunga le proprie competenze. Il problema si è evidenziato anche nella sua attuazione, sia a livello di istituzioni scolastiche che regionale, avendo poi avuto adozioni diversificate: creando in tal modo anche discriminazioni territoriali imperdonabili per il trattamento degli alunni.

10 agosto 2018

Ufficio Stampa Anief

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione