Concorso Dirigenti Scolastici, esclusione da prova orale: va garantito l’accesso agli atti anche verso i documenti informatici. Sentenza

Stampa

Se da un lato si vorrebbe perseguire la via della trasparenza nell’ambito della PA invero sono  plurime le casistiche di istanze di accesso agli atti negate. Una interessante sentenza del TAR la N.  05660/2020 del 28 maggio 2020 affronta un caso specifico ma che è di interesse generale.

In fatto

I ricorrenti tramite i propri difensori hanno impugnato il silenzio rigetto sulla loro domanda volta a  ottenere “gli atti e documenti, nessuno escluso, in possesso del  Ministero in formato digitale concernenti le modalità, comprensive dei marcatori temporali, con i quali si è in concreto  proceduto all’associazione del codice fiscale col codice identificativo alfanumerico riferite alle  operazioni di cui al DDG n. 395 del 27.3.2019 del MIUR, con cui si procedeva a pubblicazione e  approvazione dell’elenco dei candidati ammessi a sostenere la prova orale del corso-concorso per  il reclutamento dei dirigenti scolastici bandito con DDG n. 1259 del 23.11.2017”.

Chi sono i soggetti interessati?

“Com’è noto, l’art. 22 della legge n. 241/1990 definisce interessati all’accesso tutti i soggetti  privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto,  concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al  documento al quale è chiesto l’accesso medesimo”.

Cosa si intende per interesse?

“L’interesse che giustifica l’accesso ai documenti amministrativi può consistere in una qualunque  posizione soggettiva, escluso il generico ed indistinto interesse al buon andamento dell’attività  amministrativa, a condizione che possa ravvisarsi un rapporto di strumentalità tra detta posizione  soggettiva e la documentazione di cui si chiede l’ostensione”.

Gli atti di gestione del personale possono essere visionati?

“È giurisprudenza costante e condivisa quella per cui possono formare oggetto di accesso tutti gli  atti di gestione del personale dipendente delle amministrazioni, in quanto, pur avendo gli stessi  acquisito la natura di atti di diritto privato a seguito della cosiddetta privatizzazione del rapporto di  lavoro, rimangono assoggettati, così come gli atti della sfera pubblicistica, agli obblighi di buon  andamento e di imparzialità dell’amministrazione ex art. 97 cost., di per sé sufficienti a giustificare  l’obbligo di trasparenza e lo speculare diritto di accesso degli interessati (cfr. Cons. St., sez. VI, 3 febbraio 2011, n. 783)”.

Va garantito il principio di trasparenza

È poi da rilevare che non si può <<prescindere dal recente rafforzamento del principio di  trasparenza, operato col già richiamato d.lgs. n. 33 del 2013, in attuazione della delega contenuta  nell’art. 1, comma 35, della legge 6 novembre 2012, n. 190 (Disposizioni per la prevenzione e la  repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione). Nello stesso articolo,  al quindicesimo comma, la trasparenza dell’attività amministrativa è definita come “livello  essenziale….delle prestazioni concernenti i diritti sociali e civili”, anche con specifico riferimento,  per quanto qui interessa (al comma 16), a “concorsi e prove selettive per l’assunzione di  personale”, nonché alle “progressioni in carriera”, di cui all’art. 24 del d.lgs. n. 150 del 2009  (Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15 , in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni)>> (Cons. St., Ad.  plen., 28 giugno 2016, n. 13).

Il carattere informatico del file non deve far meno il diritto all’accesso  agli atti

“Il carattere, eventualmente, informatico del file non fa venire meno la pretesa di parte ricorrente, con la conseguenza che la relativa richiesta deve trovare accoglimento (cfr. sent. 7333/2019). Nel  caso in esame, è indubbio l’interesse attuale e concreto della ricorrente a prendere visione della  richiesta documentazione, interesse correlato ad una situazione giuridicamente tutelata collegata al  documento al quale è chiesto l’accesso, posto che l’accesso è volto a verificare la correttezza della loro esclusione dalla prova orale del concorso a cui hanno partecipato e per il quale è stato utilizzato l’abbinamento dei codici in questione”.

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione