UUAR: paradossale “curare” chi rispetta i principi del nostro ordinamento

WhatsApp
Telegram

Comunicato UAAR – «È davvero paradossale: per il ministro dell’Interno coloro che nelle istituzioni pubbliche – e nella fattispecie nella scuola – rispettano i principi supremi del nostro ordinamento sarebbero da curare! Non ci stupiamo più di niente ma tra rosari, Vangeli e presepi è palese la deriva teocon del vicepremier».

Così Adele Orioli, segretaria dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar), in merito all’esternazione fatta dal ministro dell’Interno Matteo Salvini alla scuola di formazione politica della Lega a Milano, dove ha detto che «gli insegnanti che pensano Dio e Gesù siano fuori posto a scuola, vanno curati» e che «una vita vissuta senza credere che alla fine dei nostri giorni ci sia qualcosa è una vita a cui manca qualcosa».

«Dalle parole di Salvini si evince una totale e pericolosa incapacità di capire che l’umanità non si ferma ai confini del proprio villaggio, anche perché ormai il villaggio Italia è, piaccia o no al ministro, plurale e secolarizzato», prosegue Orioli. «È ora che faccia i conti con la realtà. Si può tornare indietro soltanto usando la forza: se pensa al trattamento sanitario obbligatorio come all’anticamera di un’inquisizione leghista, abbia allora il coraggio di metterlo nero su bianco presentando una proposta in Parlamento».

Salvini: i docenti che mettono Dio e Gesù fuori dalla scuola vanno curati

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso Orizzonte Scuola: aggiornato con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO