Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie superiori, attenzione: errore nel modello cartaceo U4

WhatsApp
Telegram

Le domande di utilizzazione e assegnazione provvisoria devono essere compilate e inviate su Istanze online per l’ordine o il grado di istruzione di titolarità e in forma cartacea per altro ordine o grado di istruzione nel caso le funzioni su Istanze online non siano più attive o non siano state ancora attivate.

Le domande di utilizzazione e assegnazione provvisoria devono essere compilate e inviate su Istanze online per l’ordine o il grado di istruzione di titolarità e in forma cartacea per altro ordine o grado di istruzione nel caso le funzioni su Istanze online non siano più attive o non siano state ancora attivate.

Ogni docente, infatti, se ha i requisiti necessari, può presentare più domande rispettando, però, la scadenza dell’ordine o grado di istruzione di titolarità.

Gli insegnanti della scuola dell’infanzia, per esempio, le cui domande potevano essere inviate nel periodo 28 luglio-12 agosto, che presentano richiesta anche per la scuola secondaria, hanno dovuto necessariamente utilizzare il modello cartaceo U3 per il I grado e/o U4 per il II grado, non ancora disponibili su Istanze online alla data di scadenza per la presentazione delle loro domande.

Stesso discorso può essere fatto per gli insegnanti della scuola secondaria che intendono chiedere anche la scuola dell’infanzia per la quale dovranno utilizzare il modello cartaceo U1 non più disponibile su Istanze online alla data di scadenza delle loro domande. Gli insegnanti della scuola secondaria di I e II grado potranno, infatti, compilare e inviare le loro domande nel periodo 18 agosto- 28 agosto.

Prima del 18 agosto, quindi, le funzioni per la compilazione e l’invio delle domande di utilizzazione e assegnazione provvisoria per la secondaria di I e II grado, non saranno attive e i docenti interessati, sia gli insegnanti della scuola dell’infanzia i cui termini sono scaduti il 12 agosto, sia gli insegnanti della scuola primaria che hanno tempo fino al 18 agosto, devono utilizzare i modelli cartacei messi a disposizione dal MIUR

OrizzonteScuola segnala ai docenti interessati alla mobilità annuale per la scuola secondaria II grado, un errore presente nella sezione C del modello U4 predisposto dal MIUR .

Nella casella 2, infatti, viene effettuato un riferimento normativo decisamente inesatto:

Il docente è soprannumerario, art. 8 comma 10 del C.C.N.I. sulle utilizzazioni per l’a.s. 2016/2017”

E’ utile e importante precisare che nell’art.8 del CCNI al quale si fa riferimento, che riguarda le precedenze, non è presente nessun comma 10, comprendendo, infatti, solo il comma 1 suddiviso nelle parti I)- II)- III)- IV)- V)- VI)- VII) e VIII) per diversificare le precedenze secondo l’ordine di priorità con il quale devono essere valutate.

Il riferimento normativo corretto, come riportato nei modelli U1 – U2 e U3, validi per infanzia, primaria e secondaria I grado, è, invece, l’art.5 comma 8 che riguarda i docenti in esubero in organico di fatto:

I docenti di tutti i gradi di istruzione che, a seguito della riduzione del numero delle classi in organico di fatto, vengono a trovarsi in situazioni di soprannumero totale o parziale, ivi compresi i docenti di sostegno con riferimento alla riduzione del numero degli alunni con disabilità, rispetto alla nuova dotazione della scuola……..”

Quindi la casella 2 dovrebbe essere corretta nel seguente modo:

Il docente è soprannumerario, art. 5 comma 8 del C.C.N.I. sulle utilizzazioni per l’a.s. 2016/2017”

L’errore presente ha sicuramente causato perplessità nei docenti che hanno avuto modo di rendersene conto e OrizzonteScuola ritiene importantissimo segnalarlo per fare in modo che chi di dovere possa rimediare all’errore, eliminandolo nel modello che sarà reso disponibile su Istanze online a decorrere dal 18 agosto

Tutto su utilizzazioni e assegnazioni provvisorie

WhatsApp
Telegram

Eurosofia. Ultimi posti disponibili per partecipare all’incontro: “PNRR, Start-up per dirigenti scolastici – Attuazione delle linee di investimento”