Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie personale educativo, domanda cartacea. Tutte le info

di Nino Sabella
ipsef

item-thumbnail

Il personale educativo interessato può presentare domanda di utilizzazione e assegnazione provvisoria dal 9 al 20 luglio 2019.

Modalità presentazione domanda

Il personale educativo, come comunicato dal Miur, presenta la domanda di utilizzazione e assegnazione provvisoria in modalità cartacea, secondo il modello fornito dal Ministero.

Il modello è unico per le assegnazioni e le utilizzazioni:

Motivi assegnazione provvisoria

Al personale educativo si applicano, per quanto compatibili, le disposizioni che disciplinano le utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie del personale docente.

L’assegnazione provvisoria può essere chiesta per uno dei seguenti motivi:

  • ricongiungimento ai figli o agli affidati di minore età con provvedimento giudiziario
  • ricongiungimento al coniuge o alla parte dell’unione civile;
  • ricongiungimento al convivente (compresi i parenti e gli affini) purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica;
  • gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da idonea certificazione sanitaria;
  • ricongiungimento al genitore.

Utilizzazioni

Nel caso di esubero provinciale, leggiamo nel CCNI 2019/22, il personale educativo è utilizzato a domanda in altro ruolo, per classi di concorso o posti di sostegno per i quali gli interessati siano in possesso del prescritto titolo.

L’individuazione del personale soprannumerario va effettuata secondo l’ordine delle  graduatorie unificate in base all’articolo 4 ter del D.L. n. 255/2001, convertito in Legge n. 333/2001.

Nel caso in cui, presso istituzioni educative maschili, vi siano posti disponibili derivanti dalla semiconvittualità femminile e, presso istituzioni educative femminili, vi siano posti derivanti dalla semiconvittualità maschile, le operazioni di utilizzazione, finalizzate alla copertura di detti posti,  possono essere disposte nei confronti di tutto il personale educativo soprannumerario, a prescindere dal relativo ruolo di appartenenza (ruolo maschile – ruolo femminile) e prioritariamente presso l’istituzione di precedente titolarità.

Il personale educativo trasferito quale soprannumerario negli ultimi nove anni, che abbia richiesto in ciascun anno dell’ottennio il trasferimento nell’istituzione di precedente titolarità, può richiedere l’utilizzazione nell’istituzione di precedente titolarità con precedenza rispetto agli altri aspiranti.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione