Utilizzazione sul sostegno: sarà possibile dopo il trasferimento su materia?

di Giovanna Onnis

item-thumbnail

Il docente di sostegno che ottiene trasferimento su materia potrà chiedere utilizzazione sul sostegno? In base al CCNI 2018/19 la risposta è affermativa

Una lettrice ci scrive:

“Sono una docente di sostegno (10 anni di ruolo) di scuola secondaria di secondo grado. Mi piacerebbe fare domanda di trasferimento su materia, ma vorrei anche seguire l’alunna che mi è stata affidata fino al quinto anno. Se dovessi ottenere il trasferimento sulla mia disciplina, posso nello stesso anno chiedere l’utilizzo su sostegno nel mio attuale Istituto?”

L’utilizzazione è un movimento annuale disciplinato annualmente dal CCNI.  La contrattazione per il prossimo anno scolastico deve ancora iniziare e se saranno confermate le disposizioni stabilite nel CCNI sulla mobilità annuale 2018/19, sarà possibile chiedere utilizzazione sul sostegno per i docenti titolari su materia e con titolo di specializzazione, anche se non sono soprannumerari, trasferiti d’ufficio o a domanda condizionata.

Quali regole per 2018/19

Nell’art. 2 comma 1 lettera f)del CCNI 2018/19, infatti, si stabilisce che possono chiedere utilizzazione “ i docenti titolari su insegnamento curriculare in possesso del titolo di specializzazione che chiedono di essere utilizzati solo su sostegno, nell’ambito dello stesso grado di istruzione [….]”

Sarà chiaramente necessario verificare nel prossimo CCNI, valido per la mobilità annuale 2019/20, se questa disposizione sarà confermata

Conclusioni

Ipotizzando una conferma della possibilità prevista per il corrente anno scolastico, la nostra lettrice potrà chiedere utilizzazione sul sostegno solo nel grado di istruzione di titolarità, anche in seguito al trasferimento su materia

Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Versione stampabile
Argomenti:
ads ads