Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Utilizzazione e assegnazione provvisoria su sostegno per titolare su posto comune: quale movimento viene disposto prima

Quale movimento viene disposto prima  tra utilizzazione e assegnazione provvisoria sul sostegno per docente titolare su materia? L’ordine dei movimenti è indicato nella sequenza operativa del CCNI.

Un lettore ci scrive:

Ho ottenuto il trasferimento e contemporaneamente il passaggio da sostegno a materia (provinciale). Dato che ci sono cattedre di sostegno disponibili nell’I.C. del mio paese di residenza vorrei presentare domanda di utilizzazione su sostegno. Il sindacalista invece mi ha detto di presentare domanda di assegnazione provvisoria spuntando le caselle posti comuni e sostegno in quanto è una sequenza operativa che viene prima dell’utilizzazione da materia a sostegno e quindi avrei più possibilità di ottenere la sede scelta. Mi confermate ciò oppure conviene fare l’utilizzazione da materia a sostegno? Ringrazio anticipatamente per la vostra preziosa e sempre puntuale consulenza

Il docente titolare su posto comune,  in possesso del titolo di specializzazione sul sostegno, può partecipare alla mobilità annuale, chiedendo sia utilizzazione che assegnazione provvisoria sul sostegno nella provincia di titolarità.

Utilizzazione sul sostegno per titolare su posto comune

La possibilità di chiedere utilizzazione sul sostegno per docente titolare su posto comune è stabilita nell’art.2 comma 1 lettera f) del CCNI, dove si chiarisce quanto segue:

“f) i docenti titolari su insegnamento curriculare in possesso del titolo di specializzazione di sostegno o ad indirizzo didattico differenziato possono chiedere di essere utilizzati rispettivamente su sostegno o su scuole ad indirizzo didattico differenziato, nell’ambito dello stesso grado di istruzione […]”

La richiesta deve essere fatta, quindi, esclusivamente nel grado di istruzione di titolarità e può essere fatta, in ambito provinciale, anche dai docenti che non sono in esubero provinciale, soprannumerari, trasferiti d’ufficio o a domanda condizionata e anche se la loro classe di concorso o posto di titolarità non è in esubero provinciale.

Assegnazione provvisoria sul sostegno per titolare su posto comune

L’assegnazione provvisoria, oltre che per il posto o classe di concorso di titolarità, può essere richiesta anche per altre classi di concorso o posti di grado diverso di istruzione per i quali il docente sia in possesso del titolo valido per la mobilità professionale.

È possibile chiedere assegnazione provvisoria provinciale anche per altra tipologia di posto da materia a sostegno,  per il quale il docente risulti avere lo specifico titolo di specializzazione.

La richiesta di assegnazione provvisoria per altre classi di concorso o posti di grado diverso di istruzione o per altro tipo di posto è aggiuntiva rispetto a quella relativa al proprio posto o classe di concorso di titolarità.

Il docente è quindi tenuto a chiedere prioritariamente la classe di concorso o la tipologia di posto di titolarità

Quale dei due movimenti è disposto prima

L’ordine con il quale vengono disposti i movimenti è indicato nella sequenza operativa inserita nell’allegato 1 del CCNI

I movimenti che interessano il nostro lettore rientrano nelle “Operazioni su sostegno dei titolari di posto comune nella provincia”

Tra l’utilizzazione e l’assegnazione provvisoria precede l’utilizzazione che viene disposta prima

L’utilizzazione rientra, infatti nell’operazione 15:

15) Utilizzazione su sostegno a domanda dei docenti titolari su tipo posto comune in possesso del titolo di specializzazione, non compresi nelle categorie precedenti

L’assegnazione provvisoria rientra, invece, nell’operazione 16 quindi successiva

16) Assegnazione provvisoria su sostegno del docente titolare di posto comune nella provincia. Il personale docente beneficiario delle precedenze di cui all’art. 8 viene trattato con priorità, nell’ordine previsto.

Back to school. La scuola riparte in sicurezza. Eurosofia ha creato dei nuovi protocolli formativi per sostenere la ripresa delle attività didattiche