Utilizzazione docenti 2021 interprovinciale, per chiederla è indispensabile una precisa condizione

Stampa

Molti docenti in possesso di uno dei requisiti necessari per chiedere utilizzazione, vorrebbero presentare domanda per una provincia differente da quella di titolarità, ma non sempre è possibile.

Condizione necessaria per l’utilizzazione interprovinciale

I requisiti indicati nell’art.2 del CCNI sulla mobilità annuale, distinti con le lettere minuscole dell’alfabeto, dalla lettera a) alla lettera l), sono validi sia per le utilizzazioni provinciali che per le utilizzazioni interprovinciali.

Il docente interessato a chiedere utilizzazione deve, quindi, in ogni caso, possedere uno dei requisiti indicati sia per il movimento nella provincia di titolarità che in provincia differente

Se per l’utilizzazione provinciale è sufficiente il possesso di uno dei requisiti stabiliti nel contratto, non vale la stessa cosa per l’utilizzazione interprovinciale, per la quale è necessaria un’altra importante condizione, senza la quale il docente non potrà chiedere utilizzazione in altra provincia

Per poter chiedere l’utilizzazione in una provincia diversa da quella di titolarità, oltre al possesso dei requisiti necessari per il movimento annuale, è indispensabile, infatti, trovarsi nella condizione indicata nell’art.2 comma 5, dove si sottolinea la necessità di appartenere a classe di concorso in esubero nella provincia di titolarità.

Riportiamo per maggior chiarezza il succitato comma 5:
“Al fine di assicurare un corretto avvio dell’anno scolastico e di agevolare il riassorbimento dell’esubero, sono consentite operazioni di utilizzazione a domanda per provincia diversa da quella di titolarità esclusivamente ove permanga la situazione di esubero nel posto o nella classe di concorso della provincia di appartenenza, fatto salvo quanto previsto dall’art. 1, comma 11; dette utilizzazioni saranno disposte nella provincia richiesta, laddove risulti disponibilità di posti di insegnamento, prioritariamente per il posto o per la classe di concorso di appartenenza ed in subordine su posti comunque disponibili per i quali il docente sia in possesso del titolo di abilitazione corrispondente”

Se nel corso della mobilità territoriale e professionale l’esubero viene totalmente assorbito, il docente titolare nella classe di concorso non più in esubero, non potrà più chiedere l’utilizzazione interprovinciale in quanto è venuta meno la condizione indispensabile per poterla chiedere

È prevista un’eccezione

Si ritiene importante sottolineare l’eccezione prevista nel contratto, che riguarda i docenti titolari in scuole o istituti delle province che hanno modificato l’assetto territoriale di competenza, qualora abbiano chiesto e non ottenuto il trasferimento per rientrare nella ex provincia di titolarità. Questi docenti hanno titolo a presentare domanda di utilizzazione in scuole o istituti della ex provincia di titolarità anche se non appartengono a classe di concorso in esubero provinciale. Il suddetto personale, come chiarisce l’art.1 comma 11, deve inviare la domanda all’Ufficio territoriale della ex provincia di titolarità e partecipa alle operazioni di utilizzazione assieme al personale titolare nella suddetta provincia.

Assegnazioni provvisorie e utilizzazioni docenti 2021: chi può presentare domanda, preferenze e punteggio [GUIDE]

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur