USB, presidio per l’assunzione dei docenti infanzia, primaria e secondaria

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato USB – Tanti lavoratori della scuola in questi ultimi anni si sono dovuti mobilitare per salvaguardare il loro lavoro e le loro vite

I docenti spediti per l’Italia dalla mobilità farsa; gli abilitati TFA, PAS, i diplomati magistrali e di Scienze sulla Formazione Primaria esclusi ingiustamente dalle GaE; i docenti precari delle superiori che rischiano di restare “stabilmente precari” grazie al FIT, che li costringerà a un contratto a tutele crescenti, con uno stipendio da fame e con un anno di prova non ripetibile in caso di bocciatura. A fine dicembre i diplomati magistrali, in particolare, sono stati umiliati dall’ennesima sentenza politica. Pensiamo che da tutti questi abusi e mobilitazioni la scuola intera debba trarre una unica forte lezione: nessuno si salva da solo!

Invitiamo tutti i sindacati, le associazioni, la cittadinanza attiva e critica, i movimenti e i coordinamenti precari a unirsi in un presidio davanti alla Prefettura di Bologna per chiedere a chi rappresenta il Governo sul territorio:

• l’assunzione in ruolo immediata per tutti i docenti e gli ATA che lavorano da tre anni nella scuola;

• un decreto a fine gennaio che preveda una fase transitoria con assunzioni da settembre 2018 per tutti i diplomati magistrali e i laureati SFP insieme ai colleghi abilitati della scuola secondaria;

• il mantenimento del ruolo per tutti gli assunti degli anni precedenti fino al completo espletamento della fase transitoria;

• nessuna ripetizione dell’anno di prova per chi l’ha già superato e possibilità di ripeterlo per i vincitori del concorso che parteciperanno al FIT;

• equiparazione totale del salario e dei diritti contrattuali a quelli dei docenti di ruolo per tutti i partecipanti al FIT.

Il PRESIDIO SI TERRA’ DAVANTI ALLA PREFETTURA DI BOLOGNA  VIA IV NOVEMBRE, 24 GIOVEDÌ 18 GENNAIO 2018 ORE 16,30

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione