Usare Google Forms per creare verifiche, test, quiz, sondaggi e molto altro

di Antonietta D'Oria

item-thumbnail

Nuovo appuntamento con le apps di G Suite, la console di Google che offre alle scuole nuovi strumenti didattici utili e versatili.

Dopo aver parlato di Google Documenti, e di Google Classroom, in questo articolo presentiamo Google Forms.

Che cosa è Google Forms?

E’ un valido strumento on line per creare verifiche, test, quiz e sondaggi, pianificare uscite, viaggi o eventi o per raccogliere indirizzi mail per una newsletter. Semplice da utilizzare, permette di impostare in modo molto personale sia l’articolazione di domande ( dalla risposta multipla alle scale lineari e tanto altro), che le modalità di condivisione.

La raccolta e il report delle risposte è velocissimo.

Per chi abbia il compito di rielaborare i dati dei questionari, Google Forms viene incontro facendolo in automatico. In un battibaleno grafici, diagrammi, fogli Google già pronti per essere utilizzati a piacimento. Le risposte vengono raccolte in automatico e in tempo reale.

Personalizzabile già nell’intestazione, vi è la possibilità di scegliere tra una varietà di temi per costruire il proprio modulo, come anche inserire video da Youtube o immagini dal Web o da pc.

L’applicativo può essere tranquillamente utilizzato, senza fatica, su ogni tipo di strumentazione informatica. Ottima la condivisione con amici, studenti o collaboratori con cui è possibile modificare contemporaneamente il Modulo impostando la condivisione in modo tale che il destinatario abbia la possibilità di modificare, soltanto visualizzare o commentare; proprio come per gli altri applicativi della console.

Utilizzo dell’app

E’ necessario, per cominciare, aprire un browser e accedere a forms.google.com , dove si potranno visualizzare i moduli creati e la possibilità di crearne uno nuovo.

Una volta creato un modulo, si possono modificare o aggiungere domande e altri contenuti, una domanda per volta o classificandole in sezioni. Nella domanda si può aggiungere un’immagine o un video, poi scegliere la modalità di risposta grazie al menù a tendina.

Dopo aver classificato le possibili risposte, il tasto Obbligatorio è a scelta del proprietario. Per ogni domanda, decide se farla diventare a risposta obbligatoria o no. Ci tengo a precisare che l’obbligatorietà vincola la risposta: se non ho la risposta a quella domanda, non posso proseguire. La domanda può essere modificata, spostata col semplice drag and drop o eliminata, come pure la sezione.

Creare un quiz

Moduli Google crea e invia anche quiz con attribuzione di un punteggio.

Creare quiz con chiave di risposta

Durante la creazione di un quiz, è sufficiente cliccare sull’icona Impostazioni, in alto a destra, per accedere alla trasformazione del questionario in quiz e creare una chiave di risposta assegnando valori in punti alle domande, ad eccezione di quelle nella griglia. Dopo la compilazione di domande e risposte, cliccando su “chiave di risposta”, in basso a sinistra, si scelgono quelle corrette e quanti punti vale la domanda (in alto a destra).

Per rendere il questionario o il quiz più chiaro, il proprietario aggiunge spiegazioni alle risposte con link o video.

Colui che crea può decidere cosa visualizzeranno gli utenti dopo l’invio delle risposte.

E’ poi possibile valutare le risposte del quiz visualizzando dei riepiloghi automatici che comprendono le domande con le risposte sbagliate più frequenti, i grafici contrassegnati con le risposte corrette, la media, la mediana e l’intervallo dei punteggi.

Raccogliendo gli indirizzi email si possono assegnare i punteggi e aggiungere commenti alle risposte per inviarle nuovamente. Dopo aver valutato una risposta è necessario salvare le modifiche.

Ulteriore possibilità è la valutazione di una domanda alla volta. Si possono valutare le risposte alle domande contemporaneamente ad eccezione di quelle sulla griglia.

Alla fine di tutto è possibile inviare i risultati via email se si sono raccolti gli indirizzi email nel modulo. Attraverso il tasto impostazioni è possibile scegliere quando pubblicare i voti, cioè subito dopo ogni invio, in modo tale che le persone ricevano immediatamente i risultati, oppure successivamente, dopo la revisione manuale, se si desidera inviare i risultati alle persone via email in un secondo momento. Esistono due modi per inviare i punteggi a coloro che hanno partecipato all’intervista, dalla sezione risposte: dalla scheda riepilogo oppure dalla scheda individuale. Google forms, usato nella scuola è di grande praticità nella preparazione di verifiche e test per i ragazzi di qualunque fascia d’età, ma anche nell’organizzazione interna di Team docenti o della segreteria scolastica. Si pensi, ad esempio, all’invio, da parte dell’Istituto di questionari adatti alla valutazione o autovalutazione dell’Istituto, come anche ai questionari per i docenti o per i progetti. Un utile strumento di condivisione e di ottimizzazione dei tempi che lo rende estremamente interessante

Per cominciare ad usarlo:

https://www.google.it/intl/it/forms/about/

Invia la tua risorsa o un tuo intervento su argomento didattica a: [email protected]
Versione stampabile
Argomenti: