USA. Un video imbarazzante messo in rete dai compagni e un adolescente decide di togliersi la vita

Stampa

GB – Hanno postato in rete un video di un compagno che si masturbava, facendolo diventare in poco tempo un video virale, tanto che il ragazzino protagonista, un 14nne di San Diego, si è ucciso per la vergogna e gli sberleffi dei coetanei.

La mamma e il papà del giovane Matthew, questo il suo nome, ora chiedono un risarcimento danni, anche ai docenti e al personale scolastico, che a loro dire,  erano a conoscenza dei continui atti di bullismo a cui era sottoposto il figlio da tempo ma non avrebbero fatto nulla per fermarli.

GB – Hanno postato in rete un video di un compagno che si masturbava, facendolo diventare in poco tempo un video virale, tanto che il ragazzino protagonista, un 14nne di San Diego, si è ucciso per la vergogna e gli sberleffi dei coetanei.

La mamma e il papà del giovane Matthew, questo il suo nome, ora chiedono un risarcimento danni, anche ai docenti e al personale scolastico, che a loro dire,  erano a conoscenza dei continui atti di bullismo a cui era sottoposto il figlio da tempo ma non avrebbero fatto nulla per fermarli.

Matthew avrebbe poi lasciato un biglietto ai familiari prima di togliersi la vita in cui spiegava che non era sua intenzione uccidersi ma che non riusciva più a sopportare e a difendersi.

Stampa

Personale all’estero: preparati al colloquio!