Un’ora più tardi a scuola: voti potrebbero aumentare fino al 4% in più

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Al Majorana di Brindisi una classe prima sta sperimentando l’entrata a scuola alle 9:00 per verificare se si ottengono miglioramenti nel profitto e nell’attenzione dando la possibilità di dormire di più al mattino.

Ne parla il Corriere della Sera.

Alcuni studenti della classe hanno  preso voti migliori del 4,5 per cento degli studenti che non hanno variato l’orario del sonno.

Ricerche attestano il cambiamento del ritmo del sonno negli adolescenti

Diverse ricerche sono state fatte in questo senso: dall’Università di Washington all’Ospedale San Raffaele di Milano, tutti concordano con il dire che i ritmi del sonno degli adolescenti non sono quelli degli adulti nè dei bambini, che faticano ad addormentarsi la sera anche se vanno a letto presto e che quindi è normale volersi svegliare più tardi.

Relazione tra sonno e intelligenza

Secondo la società americana di pediatria la privazione di sonno incide sull’intelligenza e sulla memoria, pltre a causare depressione e suicidi.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione