Uno sportello psicologico per gli insegnanti. La proposta di Stefano Rossi: “Bisogna prendersi cura anche delle loro emozioni” [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

“Mi piacerebbe lanciare una proposta: perchè in tutti i progetti in cui si lavora sui minori a rischio c’è sempre una figura, uno psicoterapeuta che è lì per il lavoro per i ragazzi ma anche per gli insegnanti, e a scuola no? Secondo me per legge dovrebbe esserci uno psicologo scolastico o un pedagogista che ascolti le emozioni di cui si fanno carico gli insegnanti”.

Lo ha detto Stefano Rossi, psicopedagogista intervenuto in diretta su Orizzonte Scuola Tv in merito al tema degli studenti oppositivi.

L’insegnante si trova di fronte paura, ansia, dolore, senso di inadeguatezza, voglia di fuggire, fatica. Sono tutte emozioni che logorano. Facciamo quello che possiamo fra di noi e lavoriamo insieme”, prosegue Rossi.

Infatti, secondo Stefano Rossi, “non è possibile che alla prima ora c’è l’insegnante che sbatte le manate sulla cattedra. La seconda ora c’è quello permissivo che dice: fai quello che vuoi e lasciami sopravvivere. E alla terza c’è l’insegnante ematico che raccoglie i cocci”. 

Per questo motivo “dobbiamo creare una cultura con cui leggere il problema nella stessa via“.

Come? “Quindi servirebbero degli sportelli psicologici proprio per gli insegnanti, per raccogliere le loro emozioni“.

Infine, secondo lo psicopedagogista, “dobbiamo comprendere se la scuola vuole seguire il principio della performance, in cui dobbiamo funzionare invece che esistere, oppure se la scuola contro la performance, vuole prendersi cura non del funzionamento ma delle emozioni. Anche quelle degli insegnanti. Serve la scuola dell’empatia e dell’amore“.

LO SPECIALE SUGLI STUDENTI OPPOSITIVI

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur