Università, UDU: mancanza investimenti causa numero chiuso

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato UDU – Drammatici sono i dati contenuti in un dossier pubblicato questa mattina dal Corriere della Sera a firma Milena Gabanelli, da cui emergono chiaramente le problematiche principali che stanno portando ad un progressivo proliferare dei numeri chiusi. 

Dati che purtroppo non ci sorprendono affatto, anzi, non fanno altro che rimarcare quello che da anni la nostra organizzazione ha più volte denunciato nel corso di questi anni, ovvero un progressivo disinvestimento sull’università e la mancanza di un programma di reclutamento di docenti capace di colmare il gap che si è creato a causa di tanti anni di blocco del turnover.
“Sono tanti i nodi da sciogliere per superare il numero chiuso – spiega Enrico Gulluni, Coordinatore Nazionale dell’Unione degli Universitari – e per permettere alle università di adeguarsi alle nuove necessità didattiche ed accogliere un numero sempre più grande di studenti, tra queste certamente la manovra finanziaria, in continuità con le politiche degli ultimi anni, non contiene le risorse necessarie.”
“Continueremo a sollecitare il mondo politico ed istituzionale a trattare seriamente il tema – conclude Gulluni – e ci batteremo con forza per rilanciare il ruolo dell’istruzione e dell’università come strumento motore del progresso sociale economico e cultura del nostro paese e della società.”
Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione