Università, Sinistra Italiana: poca attenzione e risorse da parte del Governo

di redazione
ipsef

Comunicato Sinistra Italiana – Come Sinistra Italiana abbiamo deciso di fare della questione del sapere, dell’Universita’ e della ricerca una prorita’ nella battaglia per cambiare di segno a quanto previsto nella legge di bilancio. Perche’ da questo dipende il futuro del nostro Paese, la quantita’ e la qualita’ dello sviluppo.

Un primo appuntamento pubblico si svolgera’ a Roma venerdi prossimo 4 novembre 2016  ore 14.30  “Alla Ricerca del cambiamento. L’Universita’, la ricerca, e l’alternativa al governo Renzi” (Sala Cgil Lazio Via Buonnaroti 12 – zona piazza Vittorio).

Lo annuncia un comunicato dell’ufficio stampa del partito.

Introduce Andrea Ranieri. Intervengono tra gli altri: Piero Bevilacqua (Universita’ di Roma), l’astrofisico Giovanni Bignami (gia’ presidente dell’agenzia spaziale italana), Luigi Nicolais Gruppo 2003 (gia presidente del Cnr) Roberto Ciccarelli giornalista de Il Manifesto,  Elisa Marchetti dell’Unione degli Universitari, Giuseppe Montalbano ADI Associazione Dottorandi, on. Annalisa Pannarale, sen. Fabrizio Bocchino, sen. Alessia Petraglia, Francesco Sinopoli Flc-Cgil, Francesco Sylos Labini Roars, Andrea Torti Link, Gianfranco Viesti universita’ di Bari.

Conclude Raffaella Casciello

L’universita’ e la ricerca del nostro Paese sono a rischio di sopravvivenza. Dopo anni di drastica riduzione delle risorse, di trasferimento all’universita’ di logiche e pratiche aziendalistiche, di prevaricazione del potere politico sull’autonomia della comunita’ scientifica siamo davvero arrivati ad un punto di non ritorno.

Il calo del numero dei ricercatori e dei dottorati, l’aumento del rapporto fra docenti e studenti, il crescere del precariato nelle universita’ e negli Enti di ricerca, la diminuzione degli iscritti all’ universita’ e da questo anno anche del numero dei laureati, sono indice di una crisi irreversibile se non ci saranno chiari segnali di svolta, mentre il governo sembra procedere sulla strada delle misure spot e della più totale disattenzione verso le istanze della Comunità scientifica

Lo rende noto l’ufficio stampa di Sinistra Italiana

Roma,  2 novembre 2016

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare