Università, Nicchi (MDP): sorpresa da dichiarazioni esponenti Governo. Non sanno dello sciopero dei docenti?

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato On. Nicchi (MDP) – A essere sorpresa sono io. I colleghi Lupi e Toccafondi forse non sanno che migliaia di professori universitari sono in sciopero e che il malcontento nel mondo della scuola è alle stelle. I tagli al fondo per il finanziamento ordinario delle università sono cessati ma questo non significa che il governo abbia ripreso a investire seriamente nell’università. L’Italia resta fanalino di coda in Europa per numero di laureati e il professor Gianfranco Viesti ha dimostrato, dati alla mano, il declino delle università italiane, dovuto anche a un meccanismo presuntamente premiale che ha innestato un circolo vizioso che penalizza il Sud.

Lo dichiara Marisa Nicchi, deputata di Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista e componente della commissione cultura a Montecitorio, commentando le dichiarazioni di Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Ap e Gabriele Toccafondi, sottosegretario al Miur.

La Commissione cultura della Camera, prosegue Marisa Nicchi, più volte ha chiesto che la quota premiale del fondo per il finanziamento ordinario fosse costituita di danari aggiuntivi e non fosse una frazione dell’ordinario ma il Miur non sente da quell’orecchio. Quanto al diritto allo studio, il fondo statale volto a integrare la spesa regionale è stato drasticamente ridotto: la media nazionale dei tagli è del 34 per cento con punte del 47 per cento di riduzione, come in Sicilia.

Circa la scuola, precisa Nicchi, a parte che personalmente ho votato contro la Buona scuola, per cui trovo curiosa l’accusa d’incoerenza, la priorità era ed è il rinnovo dei contratti degli insegnanti. Se i colleghi Lupi e Toccafondi pensano che sia dignitoso lo stipendio attuale degli insegnanti, si accomodino al prossimo concorso. Il piano di mobilità è un caos, le segreterie delle scuole sono oberate d’incombenze burocratiche e il fenomeno delle reggenze è esploso dinnanzi all’immobilismo del MIUR.

A Napoli, conclude la deputata di Mdp, il 30 settembre, all’interno della nostra prima festa nazionale, faremo una grande assemblea pubblica per dare voce alle questioni vere che il Governo ignora. Lupi e Toccafondi si permettono d’interloquire su cose che non sanno, a loro bastano le regalie alle scuole private e alle aziende, contenute nella Buona scuola, cioè school bonus e alternanza scuola lavoro, con cui si possono mettere i ragazzi a lavorare gratis alle casse dei McDonald. 

Roma, 22 settembre 2017

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief