Università, Manfredi: pronto emendamento per 1.600 nuovi ricercatori

Stampa

Il ministro dell’Università e Ricerca Gaetano Manfredi conferma l’arrivo di nuove assunzioni di ricercatori presso gli atenei italiani.

Lo aveva annunciato pochi giorni fa il presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante la cerimonia inaugurale dell’anno accademico dell’Ateneo di Firenze in Palazzo Vecchio. “Stiamo valutando, in sede di conversione in legge del Dl di proroga termini, la presentazione di un emendamento volto ad immettere immediatamente nel sistema 1.600 nuovi ricercatori” aveva detto Conte. Come riporta Il Sole 24 Ore, l’emendamento sarebbe pronto.

Non lo abbiamo ancora depositato, ma è pronto un emendamento il cui obiettivo è 1.600 ricercatori” ha spiegato il ministro dell’Università, riferendosi al Milleproroghe, in occasione di un evento a Napoli. “Sicuramente ci sono dei primi segnali a breve nel decreto Milleproroghe: vareremo un piano straordinario dei ricercatori” ha continuato il ministro.

Manfredi ha poi spiegato che “ci saranno presto investimenti su edilizia che consentiranno di dare delle risposte immediate e ci prepariamo anche per una Finanziaria futura di investimenti, con una politica specifica che riguarda l’ingresso dei giovani nell’università – ha concluso Manfredi – e il rilancio anche della ricerca con una sinergia con quello che è anche il sistema delle imprese“.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia