Università, Manfredi promuove la DaD: “Si è garantita la continuità didattica in un momento storico difficile”

Stampa

“Questi dati confermano la bontà delle scelte politiche operate, sia garantendo la continuità didattica durante la pandemia sia favorendo le lezioni in presenza per le matricole”.

Così il ministro dell’università e della ricerca, Gaetano Manfredi, intervenendo a Pisa a una tavola rotonda durante la quale è stata presentata l’indagine sull’impatto della Dad all’università. A realizzare il lavoro è stata Human Foundation. Pisa è l’unico ateneo italiano che si è sottoposto a questa valutazione.

“Il coinvolgimento di tutta la comunità accademica nella valutazione di questa esperienza – ha aggiunto Manfredi – ci consentirà di rinnovare l’offerta didattica e di comprendere al meglio le opportunità date dalle nuove tecnologie. In questo modo potremo creare un’università più inclusiva e maggiormente capace di offrire risposte a una comunità di studenti formata ormai per lo più da nativi digitali”. Inoltre, secondo il ministro dall’indagine “si vede che abbiamo garantito la continuità didattica in un momento storico in cui gran parte dei servizi e delle funzioni è stata interrotta e questo per me è un risultato straordinario”.

“Bisogna partire da questa esperienza – ha concluso Manfredi – per garantire l’università del domani sfruttando sempre di più e meglio le tecnologie: la didattica mista consente laddove necessario di poter raggiungere fasce di studenti che hanno difficoltà a essere in presenza per ridurre la dispersione universitaria che in Italia è tra le più alte in Europa”.

Stampa

Tfa sostegno VI ciclo: cosa studiare? Parliamone con gli esperti il 29 luglio