Università, M5S: emendamento Governo cerca aggirare sentenza Corte Costituzione su finanziamento Atenei

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato M5S – “Dopo l’emendamento per aggirare la sentenza del Tar sulle nomine dei direttori dei musei, governo e Pd si ripetono a stretto giro con un blitz per aggirare un pronunciamento della Corte Costituzionale sul finanziamento delle università. Evidentemente hanno un brutto vizietto: il bilanciamento tra i tre poteri dello Stato non riescono proprio ad accettarlo”.

Così i deputati M5s in commissione Cultura commentano il tentativo di blitz del governo, che oggi ha presentato un emendamento alla manovra fuori tempo massimo, per cercare di aggirare la sentenza 104 dell’11 maggio scorso della Corte Costituzionale che, di fatto, ha cancellato il principio della percentuale del Finanziamento Ordinario delle università (FFO) ripartita in relazione al costo standard per studente, fissata dal Decreto legislativo n.49 del 2012.

“Tra l’altro, l’emendamento che hanno presentato non risolve il problema, che avrebbe bisogno di essere affrontato dal Parlamento attraverso un serio approfondimento per la modifica della normativa sulla ripartizione delle risorse destinate al FFO e non con un emendamento presentato all’ultimo momento”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare