Università, Gallo (M5S): al via esame PDL su estensione “no tax area”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comuniato M5S – Oggi in commissione Cultura abbiamo avviato l’esame della nostra proposta di legge che estenderà la ‘no tax area’ per gli studenti universitari meritevoli e bisognosi, alzando la soglia oltre gli attuali 13.000 euro di reddito Isee. Il tema del diritto allo studio nel nostro Paese è stato per troppi anni trascurato, lasciando indietro studentesse e studenti con grandi potenzialità e creando l’assurda categoria degli ‘idonei senza borsa’, in base alla quale per carenza di fondi si riconosce l’esistenza dei requisiti per ricevere una borsa di studio che però poi non si assegna”. Lo afferma il presidente della commissione Cultura della Camera dei deputati Luigi Gallo, portavoce del Movimento 5 Stelle.

“La nostra proposta – riprende Gallo – mira a determinare un riequilibrio dei finanziamenti, dando maggior peso al numero degli idonei e minor peso ad altri parametri che determinano l’assegnazione delle risorse agli atenei. La priorità è quella di creare pari condizioni di partenza tra i giovani che non hanno possibilità economiche e quelli che invece possono pagarsi gli studi. Rimuovere gli ostacoli alla parità non significa soltanto applicare un precetto costituzionale, ma investire sulla formazione universitaria che – come dimostrano i dati – produce quasi 4 volte il valore dei soldi investiti per portarla a termine”.

“L’iter in commissione sarà orientato all’ascolto delle diverse parti coinvolte in questo processo e all’apertura a tutte le proposte migliorative che dovessero giungere da altre forze politiche. Lavoreremo per individuare le adeguate coperture finanziarie, tenendo come faro la necessità di ampliare la possibilità di accesso all’università per gli studenti le cui famiglie non possono sostenere i costi degli studi. Solo così riusciremo a colmare il gap di un Paese che ha solo il 18,7% di laureati contro una media Ocse del 33%” conclude il deputato del Movimento 5 Stelle.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione