Università. FFO 2017, Link: fondi sono diminuiti non aumentati. Ecco perché

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Link Coordinamento Universitario – E’ appena stata pubblicata la ripartizione dell’FFO per l’anno 2017. La ministra Fedeli ha dichiarato in un comunicato che c’è stato un aumento del 0,9% sul totale ma i numeri reali sono ben diversi. I fondi nella disponibilità diretta degli Atenei sono stati in realtà ridotti dello 0,9% passando da 6,919 miliardi a 6,856 miliardi.”

dichiara Andrea Torti, coordinatore di Link – Coordinamento Universitario che continua:

“Come già evidenziato dal parere CUN, il primo di questi dati corrisponde di fatto ad un aumento solo nominale: nella realtà ci sono 45 milioni di euro di tagli ai fondi direttamente gestiti dagli atenei statali (quota base, premiale, perequativo e programmazione triennale) e 24,5 milioni di euro che vengono tolti al sistema universitario per finanziare gli Atenei terremotati.”

“Nella quota di “altri interventi” ci sono due novità principali: 55 milioni di euro di copertura dei mancati introiti dovuti all’introduzione della No Tax Area (quindi non fondi aggiuntivi per gli atenei) e 45 milioni di euro del «Fondo per il finanziamento delle attività base di ricerca», trovata dell’ANVUR dello scorso anno per assegnare 3000 euro ai ricercatori e professori che ne fanno richiesta, la quale corrisponde perfettamente con il taglio effettuato sulle voci principali”

“Per questo i fondi che saranno nelle disponibilità degli Atenei per sostenere le attività ordinarie non è vero che aumentano di 62,5 milioni come dichiarato dalla ministra ma calano di 70 milioni (ci sono 55+45+25 milioni in meno).” prosegue Andrea Torti che conclude: “La Ministra al posto di invertire la tendenza dopo anni di tagli, ha scelto di fare proclami che esulano dalla realtà. Non ci faremo illudere dai venditori di fumo e in questi mesi ci mobiliteremo insieme a tutta la comunità accademica, già in sciopero, fino all’ottenimento di risposte reali.”

LINK – Coordinamento Universitario

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare