Università, Fedeli: riattivato l’Osservatorio per il Diritto allo studio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

MIUR – La Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli ha firmato ieri il decreto che ricostituisce l’Osservatorio nazionale per il Diritto allo studio universitario.

“Oggi facciamo ripartire uno spazio importante di analisi, monitoraggio e proposta sul Diritto allo studio universitario”, sottolinea Fedeli. “Garantire il Diritto allo studio vuol dire garantire mobilità sociale e applicare materialmente l’articolo 3 della Costituzione – prosegue la Ministra-. Ringrazio i componenti dell’Osservatorio per il lavoro che faranno, a partire dalla Dott.ssa Federica Laudisa, il Prof. Luciano Modica e il Dott. Crescenzo Antonio Marino, che ho nominato in qualità di esperti. A breve sarà convocata la prima riunione: l’Osservatorio dovrà essere operativo rapidamente”.
“Abbiamo bisogno – chiude la Ministra – di uno spazio di confronto come questo per far crescere il sistema del Diritto allo studio e renderlo strumento efficace e utile al Paese. Non possiamo permetterci di tenere fuori dal sapere le intelligenze, le capacità, i talenti di tante ragazze e tanti ragazzi solo perché vengono da contesti socio-economici difficili. Anche per questo stiamo lavorando per l’inserimento in legge di Bilancio di risorse aggiuntive su questo capitolo”.

L’Osservatorio, i cui membri resteranno in carica per tre anni, rientra fra le azioni messe in campo dal Governo e dal Ministero per il rilancio del diritto allo studio e avrà il compito di: presentare proposte per migliorare le prestazioni in materia di diritto allo studio; produrre, entro il mese di marzo di ogni anno, una relazione sull’attuazione del diritto allo studio a livello nazionale; realizzare analisi, confronti e ricerche su criteri e metodologie, con particolare riferimento alla valutazione dei costi di mantenimento agli studi, nonché dei risultati ottenuti; creare un sistema informativo per l’attuazione del diritto allo studio.

Comunicato Miur

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare