Università, è record di abbandoni al primo anno: il 7,3% lascia, dato più alto degli ultimi 10 anni

WhatsApp
Telegram

Nell’ultimo decennio, l’Italia ha assistito a un preoccupante incremento del tasso di abbandono degli studi universitari. Secondo i dati pubblicati dal Ministero dell’Università e dal Ministero dell’Istruzione, citati da La Repubblica, l’abbandono universitario è passato dal 6,3% del 2011-2012 al 7,3% del 2021-2022, il più alto degli ultimi anni.

Analizzando più da vicino, il fenomeno mostra un disallineamento di genere: mentre la percentuale di abbandono tra gli studenti universitari maschi è del 7,4%, quella tra le studentesse è leggermente inferiore, al 7,2%. Sebbene la differenza sia minima, riflette la persistenza di specifici ostacoli e sfide che possono influenzare diversamente le decisioni di uomini e donne riguardo la prosecuzione degli studi.

Nel 2020-2021, l’abbandono al primo anno di università si era fermato al 7.1%, segnalando una preoccupante tendenza in crescita che persiste ancora oggi.

Sia che si tratti di affrontare le prime difficoltà accademiche, sia che siano in gioco motivazioni economiche, molti giovani decidono di abbandonare gli studi universitari. Questo è un fenomeno che merita un’attenzione significativa, poiché gli effetti di un tale abbandono possono avere conseguenze durature non solo per gli individui coinvolti, ma anche per la società nel suo complesso.

I responsabili politici e le istituzioni educative dovrebbero raddoppiare gli sforzi per affrontare queste sfide. Ciò potrebbe includere strategie come il miglioramento dei servizi di orientamento universitario, il fornire un maggiore supporto finanziario agli studenti bisognosi, e lo sviluppo di programmi che aiutino gli studenti a superare le difficoltà accademiche.

L’istruzione è un investimento nel futuro e garantire che tutti abbiano la possibilità di perseguire e completare un’istruzione universitaria dovrebbe essere una priorità per la nostra società.

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti: pubblicati i bandi dei 30 e 60 cfu, scadenza 5 giugno, affidati ad EUROSOFIA E.C.P. Pegaso