Università e Diritto allo Studio. Banca d’Italia: le borse di studio migliorano le performance delle matricole, ma ci sono molti idonei e pochi soldi

di redazione

item-thumbnail

Poter offrire ai giovani la possibilità di beneficiare di una Borsa di Studio e sostenere il proprio percorso di Laurea rappresenta un’opportunità indispensabile per studenti e studentesse delle scuole superiori che hanno scelto (o sceglieranno) di iscriversi all’Università dopo il diploma.

Le informazioni su come poter partecipare all’assegnazione di una Borsa di Studio non mancano, anzi. La Borsa di Studio resta la più nota tra le agevolazioni che le Università concedono ai giovani immatricolati attraverso graduatorie stilate per merito o in funzione del reddito. Approfondisci qui tutte le agevolazioni fiscali nell’Università.

Peccato che molto spesso il numero di Borse di Studio messe a disposizione sia insufficiente rispetto alla platea di giovani che ne avrebbero diritto. E gli effetti negativi di questo scollamento si ripercuote soprattutto sui neodiplomati che frequentano il I anno di università. Un recente rapporto pubblicato dalla Banca d’Italia lancia un dato allarmante in proposito: tra i ragazzi meno abbienti che frequentano il I anno di università, 10 giovani su 100 scelgono di abbandonare l’Università perché non hanno ottenuto una borsa di studio, pur essendo idonei. Tra questi ritroviamo in particolare studenti residenti al Sud e provenienti da istituti superiori tecnici o professionali, che abbandonano precocemente il percorso universitario intrapreso perché non hanno risorse economiche sufficienti per potersi mantenere gli studi.

Un problema su cui occorrerebbe soffermarsi con più attenzione per sostenere, con politiche e investimenti ancor più robusti, lo sviluppo di capitale umano soprattutto tra le fasce deboli della popolazione. È infatti noto che i diplomati e le diplomate provenienti da istituti superiori tecnici o professionali sono molto richiesti dal mercato del lavoro, specialmente dopo aver completato gli studi universitari.

Versione stampabile
Argomenti: