Abilitazioni e diplomi validi in automatico in tutti i paesi dell’Unione Europea, la rivoluzione dell’istruzione

WhatsApp
Telegram

Riconoscimento reciproco dei diplomi e dei periodi di apprendimento all’estero, insegnamento e apprendimento delle lingue e sistemi di e cura della prima infanzia di alta qualità.

Sono queste le raccomandazioni del Consiglio che rientrano nell’agenda di Göteborg per la Cultura.

Nell’agenda rientrano vari aspetti di interesse culturale per i giovani.  Per questo motivo la Commissione europea ha messo assieme un pacchetto di proposte su politiche per i giovani, istruzione e cultura con l’obiettivo di costruire uno spazio europeo dell’istruzione entro il 2025.

La notizia è rilanciata anche da Agensir dove si legge che “Le nuove iniziative mirano ad aumentare la mobilità per l’apprendimento e le possibilità di istruzione nell’Ue, a fornire ai giovani i mezzi per agire in autonomia e responsabilità, in particolare incoraggiandoli a partecipare alla vita civica e democratica, e a sfruttare la cultura come strumento di progresso sociale e crescita economica in Europa“.

La rivoluzione dei diplomi – scrive il Corriere – consentirà di lavorare in Francia dopo una laurea in Italia; di essere ammessi, in Spagna, all’anno di studi successivo, dopo un anno di scuola in Germania; di insegnare in Svezia, dopo aver conseguito l’abilitazione in uno qualsiasi degli Stati membri. Mentre oggi manca un sistema di riconoscimento automatico delle qualifiche.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri