Unione degli Studenti critica la manovra Monti

di redazione
ipsef

red – Non c’è equità secondo l’Udu. Inoltre, tale manovra "non è l’unica possibile: si può intervenire chiedendo sacrifici a chi se lo può permettere e riorganizzando la spesa statale", gli interventi, così come pensati "rischiano di portare al fallimento giovani, pensionati e chi ha fatto molti sacrifici in questi anni e è ora chiamato nuovamente a stringere la cinghia".

red – Non c’è equità secondo l’Udu. Inoltre, tale manovra "non è l’unica possibile: si può intervenire chiedendo sacrifici a chi se lo può permettere e riorganizzando la spesa statale", gli interventi, così come pensati "rischiano di portare al fallimento giovani, pensionati e chi ha fatto molti sacrifici in questi anni e è ora chiamato nuovamente a stringere la cinghia".

"Siamo consci – continuano gli studenti dell’Udu – del periodo di grossi sacrifici, ma è giusto che cominci a farli chi non li ha mai fatti: gli evasori, i grandi patrimoni e gli speculatori […] le priorità devono essere giovani e istruzione pubblica, diritto allo studio".

"Oggi – concludono – tutto questo non si fa pur di non toccare gli interessi di pochi; si sacrificano giovani, pensionati e lavoratori pur di non toccare le reti televisive o gli armamenti"

Versione stampabile
anief
soloformazione