Unioncamere. Poco più di un laureato su dieci lavora nel privato e con mansioni più basse

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Dal Rapporto Unioncamere 2013 emerge che in Italia meno di due lavoratori dipendenti su 10 (nel settore privato) sono laureati, contro una media europea di 3 e punte di 4 su 10 in Gran Bretagna e Spagna.

Tra i lavoratori italiani laureati, molti svolgono un’attività non consona alle competenze date dalla laurea e il fenomeno è in forte aumento.

GB – Dal Rapporto Unioncamere 2013 emerge che in Italia meno di due lavoratori dipendenti su 10 (nel settore privato) sono laureati, contro una media europea di 3 e punte di 4 su 10 in Gran Bretagna e Spagna.

Tra i lavoratori italiani laureati, molti svolgono un’attività non consona alle competenze date dalla laurea e il fenomeno è in forte aumento.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione