UNICOBAS. Con il DDL Renzi le RSU nelle mani dei dirigenti

di redazione

Comunicato UNICOBAS – LETTERA APERTA DELL’UNICOBAS ALLE RSU DELLA SCUOLA, INDIPENDENTEMENTE DALLA SIGLA NELLA QUALE SONO STATE  ELETTE:

Comunicato UNICOBAS – LETTERA APERTA DELL’UNICOBAS ALLE RSU DELLA SCUOLA, INDIPENDENTEMENTE DALLA SIGLA NELLA QUALE SONO STATE  ELETTE:
SAPETE CHE GRAZIE AD UN ACCORDO CON L'ARAN SOTTOSCRITTO DAI VOSTRI SINDACATI (VALIDO SOLO PER LA SCUOLA), CON IL DDL RENZI POTRETE ESSERE ELIMINATI DAL DIRIGENTE SEMPLICEMENTE MANDANDOVI IN ESUBERO?
L´art. 18 del Contratto Collettivo Quadro sulle modalità di utilizzo dei distacchi, aspettative e permessi nonché delle altre prerogative sindacali del 7 agosto 1998 stabilisce, tra l´altro, al comma 4 che "il trasferimento in un´unità operativa ubicata in sede diversa da quella di assegnazione dei dirigenti sindacali indicati nell´art. 10 può essere predisposto solo previo nulla osta delle rispettive organizzazioni sindacali di appartenenza e della RSU ove il dirigente ne sia componente".

Ma con l'accordo quadro sottoscritto all´Aran in data 24 settembre 2007 e integrativo di quello del 7 agosto 1998, all´art. 5, si è affermato, avendo riguardo specifico alla scuola (comma 4/bis in aggiunta al sopraccitato art. 18) che: "Nel comparto scuola il disposto del comma 4 non si applica nei casi in cui si debba procedere all´individuazione del personale soprannumerario, docente ed Ata, in conseguenza della rideterminazione dell´organico dell´istituzione scolastica o educativa. Non si applica, altresì, in tutti i casi nei quali l´assegnazione della sede sia stata disposta in applicazione di istituti che prevedono una permanenza annuale nella sede stessa".
Perciò, visto il rafforzato potere che il ddl Renzi accorda ai dirigenti scolastici, imponete alla dirigenza di CGIL, CISL, UIL, SNALS, GILDA di denunciare quell'accordo, o la vostra elezione diverrà carta straccia.

Stefano d'Errico
(Segretario nazionale dell'Unicobas Scuola, sindacato che dichiarò illegittimo quell'accordo
non appena CGIL, CISL, UIL, SNALS e Gilda lo siglarono)

Versione stampabile
Argomenti: