Una scuola di Ginevra “cancella” la festa della mamma: scoppia la polemica

WhatsApp
Telegram

Una scuola elementare di Lully, in Svizzera, ha scatenato una forte polemica a causa della sua decisione di “annullare” la festa della mamma, tradizionalmente celebrata il 12 maggio.

Come riporta la stampa locale, la notizia è stata comunicata alle famiglie attraverso una lettera firmata dalla direttrice, nella quale si spiega che la decisione è stata presa dal comitato docenti “in considerazione dell’attuale movimento che si occupa delle questioni di genere e dell’uguaglianza tra donne e uomini”.

Al posto della festa della mamma, la scuola ha deciso di istituire una festa per celebrare “le persone che si amano”, fissata per il 24 maggio, a metà strada tra la festa della mamma e quella del papà. I bambini prepareranno due regali da offrire a coloro che amano, secondo la nuova concezione.

La decisione ha suscitato la disapprovazione di Anne Hiltpold, responsabile del Dipartimento della Pubblica Istruzione, Formazione e gioventù (DIP), che ha dichiarato a Watson: “Non approviamo questa decisione presa in autonomia dalla scuola. Abbiamo chiesto di revocare la regola e continuare a fare i lavoretti per la festa della mamma e quella del papà, come da tradizioni”.

La vicenda ha aperto un dibattito sul tema dell’inclusività e del rispetto delle tradizioni. Da un lato, c’è chi sostiene la scelta della scuola, interpretandola come un modo per promuovere l’uguaglianza di genere e riconoscere la diversità delle famiglie moderne. Dall’altro, c’è chi difende la tradizione della festa della mamma e del papà, considerandola un momento importante per celebrare il ruolo dei genitori nella vita dei bambini.

Resta da vedere come si evolverà la situazione e se la scuola di Lully deciderà di accogliere la richiesta del Dipartimento o di mantenere la sua posizione.

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA