Una scuola australiana elimina i cestini della spazzatura: chi sporca porta a casa

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Una scuola femminile australiana ha bandito i cestini della spazzatura per limitare o addirittura eliminare la produzione dei rifiuti ed usare contenitori ecologici.

Ne parla Wired.

Una scuola femminile australiana ha deciso di togliere i cestini della spazzatura dall’istituto. Alle  studentesse viene richiesto di  non usare snack confezionati, ma contenitori riutilizzabili e borracce al posto delle bottigliette.

L’obiettivo finale è di diventare una scuola zero waste, in cui la produzione di rifiuti sia azzerata.

Nell’istituto quindi spariscono i cestini della spazzatura, con qualche eccezione (rimangono quelli dei bagni, per esempio, e quelli per la raccolta della carta da riciclare).

Il principio, spiega la direttrice in una newsletter ai genitori, è simile a quello in vigore in alcuni parchi naturali: “the waste you take in, you are responsible for taking out”, ognuno è responsabile di portare via la spazzatura che ha prodotto.

Ogni giorno vengono fatti dei controlli: non ci sono punizioni, se non quella di riportarsi a casa la spazzatura prodotta, ma a chi ha trovato un’alternativa green viene consegnati dei gettoni che permettono, accumulandoli, di ricevere un premio.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione