Una docente attacca i genitori: “Siete un branco di falliti, non potete essere stanchi. Io ho il cellulare acceso la notte per i miei studenti”

WhatsApp
Telegram

Spopola sui social il video dello sfogo di una docente palermitana che riflette in modo piuttosto duro e polemico sul ruolo dei genitori, toccando il tema della violenza sulle donne.

Sono molto delusa da come vanno le cose nei giovani – dice la donna su Facebook -. Ho l’obbligo, visto che sono un’insegnante, di fare un appello a tutti i genitori, mi ci metto anche io. Dobbiamo essere caricati a pallettoni, avere energie da spendere, da dare, per educare. Non sono energie a fondo perduto. Ho l’obbligo di dirvi la verità in faccia, visto che siete disabituati alla verità e talmente assuefatti all’ipocrisia che la verità non la volete sentire nemmeno dalla vostra coscienza”.

Subito l’attacco ai genitori: “Siete un branco di falliti, siamo un branco di falliti. I nostri figli violentano le ragazzine, qualcosa è andato male negli anni. Inutile che dite che non riguarda i vostri figli. No, tu tuo figlio non lo conosci. Inutile che ti offendi, lo dico per aprirti gli occhi. La violenza sta anche nel fatto che molti ragazzi sono convinti di fare delle bravate e in quanto giovani possono fare ciò che vogliono”.

Chiaro il riferimento agli ultimi fatti di cronaca di Palermo che ha visto una ragazza violentata da altri coetanei.

Se succedono questi episodi tutti siamo falliti. Non funzioni come padre, come madre, come struttura sociale. Siamo falliti. Se non condividete siete corresponsabili di tutti quei genitori ed educatori che preferiscono girarsi dall’altra parte perché il problema non è il loro”, prosegue il suo sfogo la docente.

Inutile che vi scandalizzate perché i vostri figli fanno cose illecite e per dire no siete disposti ad essere perseguiti legalmente. Vergogna, siete inutili. Anche quando siete convinti di conoscere i vostri figli prendete in considerazione che invece non li conoscete. Sì, si comportano come i bulli, perché sennò si sentono di non contare nulla”, insiste.

Invece  di pensare al parrucchiere – continua la donna – al massaggio, ai viaggi: non ve l’ha prescritto il medico di fare figli. State bene anche senza visto che non ve ne sapete occupare. Non basta mettere al mondo dei figli per essere genitori, lo dovete diventare. Questa società è piena di figli che lasciate tornare a casa tranquillamente alle 4 di mattina ubriachi. Non vi rendete conto che pagherete tutto ciò“.

“Il problema nasce a monte, se fai un figlio lo devi seguire. La comunicazione non funziona, usate codici sbagliati e vi seccate, siete stanchi. Ma non è possibile essere stanchi se si è docenti o genitori. Io tengo il cellulare acceso di notte per i miei ragazzi”, conclude.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri