Una didattica più efficace, sviluppando le abilità emotive. Corso con iscrizione e fruizione gratuita

Stampa

“Docenti e studenti devono lavorare con le proprie emozioni Per far questo c’è bisogno di formazione”. A dirlo il Presidente della Commissione Cultura alla Camera, in un video su Facebook.

Cos’è l’intelligenza emotiva

L’intelligenza emotiva è quella particolare abilità (dei bambini ma non solo) di riconoscere, rispettare e vivere serenamente il mondo dei sentimenti e delle emozioni, per accrescere le competenze sociali e relazionali ed essere in grado di rispondere in modo adeguato alle criticità che ogni giorno si possono presentare.

Si tratta, quindi, di saper individuare ed indirizzare le emozioni per accrescere la motivazione e migliorare le capacità relazionali con lo scopo di perfezionare l’empatia, ovvero la capacità di riconoscere e rispettare le emozioni degli altri.

Lo psicologo statunitense Daniel Goleman è colui che negli ultimi venti anni ha rivalutato i concetti di intelligenza emotiva e di empatia, sostenendo con forza che la sola intelligenza razionale espressa dal Quoziente Intellettivo classico non può gestire tutti i comportamenti quotidiani degli esseri umani.

Intelligenza emotiva antitesi della ragione?

Intelligenza emotiva e ragione non sono antitetiche ma semplicemente differenti e possono coesistere. Goleman rileva come le “tipologie” di intelligenza, evidenziate anche da Howard da Gardner, abbiano il difetto di essere costruite solo sulla dimensione cognitiva e per secoli si è trascurato il ruolo dei sentimenti. Le emozioni non sono elementi di “disturbo” dei processi di educazione,  apprendimento e comunicazione, ma fanno parte integrante dell’intelligenza ed hanno un’ importanza fondamentale nello sviluppo cognitivo dell’essere umano.

La teoria dell’intelligenza emotiva sottolinea l’esigenza di un “dialogo” tra ragione ed emozione, affermando in via definitiva la complementarietà fra le due dimensioni.

Perché a scuola?

L’alfabetizzazione emotiva dei bambini è certamente una strategia efficace per elaborare nel modo migliore conflitti irrisolti all’interno del gruppo classe ma, in modo specifico, per addestrare all’uso di modelli relazionali non violenti e basati sulla negoziazione, migliorando le relazioni e riducendo le tensioni e le provocazioni.

Ecco perché è un tema caldo per il mondo degli insegnanti e si sta già investendo moltissimo, in termini di tempo e di costi economici, nell’ambito della Scuola italiana, proprio in direzione di un potenziamento dell’addestramento relativo ai temi dell’intelligenza emotiva e della comunicazione empatica.  Le Tecniche per facilitare la comunicazione, la consapevolezza e lo sviluppo di competenze emotive sono inoltre fondamentali per generare un buon clima comunicativo scolastico, per rendere meno conflittuale  la comunicazione docenti-famiglie e tra allievi-allievi.

Si comprende pienamente il senso del perché la Scuola moderna debba formare certamente futuri uomini preparati (nell’ambito delle hard skills) e competenti ma che, allo stesso tempo, sappiano vivere con equilibrio, assertività e padronanza emotiva la propria vita nel rapporto con gli altri.

Il corso

Si tratta di un corso a partecipazione gratutita, organizzato da Orizzonte scuola formazione, certificato da SO.GE.S SRL, ente accreditato al Miur ( Società del gruppo Orizzonte Scuola)

Si potrà quindi scegliere se certificare le 25 ore di formazione, al costo di 49 euro, dopo aver visionato l’intero corso.

Vai alla scheda del corso

Stampa