Una classe su quattro fa didattica a distanza o “mista”, lo dice il Ministero. Anief: va bene ridurre le restrizioni, ma senza più discriminare gli alunni

WhatsApp
Telegram

Si conferma non marginale il numero di alunni collocati in didattica a distanza: lo dicono i dati pubblicati il 4 febbraio dal ministero dell’Istruzione che ha monitorato il 78% delle scuole italiane – 6.360 istituti su 8.157 – nella settimana dal 24 al 29 gennaio.

Dalle rilevazioni svolte risulta che oltre 50mila classi, pari al 17,2% risultano in quarantena; a queste vanno aggiunte altre 42.749 classi con uno o più alunni posti in didattica digitale integrata, quindi costretti a seguire le lezioni da casa. Significa che quasi 95mila classi su 375.663 complessive, una su quattro, è costretta a svolgere attività didattica a distanza o “mista”.

 

È un dato che fa riflettere – ha commentato a caldo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, durante una trasmissione in diretta su Orizzonte Scuola tv – perché conferma che l’alto tasso di vaccinazione nella secondaria non salva gli studenti dai contagi: per evitare la diffusione del Covid bisogna invece agire sull’aumento degli spazi nelle classi, sulla riduzione del numero di alunni per classe e con il distanziamento. Questo non vuol dire che non è importante la vaccinazione: in Inghilterra è stata tolta, ma si continua a vaccinare la popolazione. E gli inglesi hanno meno contagi rispetto al nostro Paese”.

 

È arrivato il momento – ha continuato Pacifico – di affrontare questo virus in modo diverso: cominciamo a ridurre le restrizioni, ma senza discriminare gli alunni. Un ragazzo su quattro rischia di essere penalizzato per legge di Stato, che ha deciso di imporre la didattica a distanza, mente i tre quarti dei compagni assistono alle lezioni in presenza. Noi lotteremo sempre contro le diversità di trattamento, anche del personale scolastico”, ha concluso il presidente Anief.

WhatsApp
Telegram

“Come compilare il nuovo pei pagina dopo pagina”. Corso tecnico/pratico di Eurosofia a cura di Evelina Chiocca, Ernesto Ciracì, Walter Miceli