Un pulsante rosso per chiedere aiuto contro il bullismo in anonimato

WhatsApp
Telegram

Contro il bullismo a scuola, un istituto in provincia di Pescara fa sul serio.

Ha predisposto un bottone scolastico antibullo che potrà essere pigiato dall’alunno vittima di una violenza fisica, verbale, diretta o indiretta.

A riportare la notizia è il Fatto Quotidiano, che illustra anche i dettagli dell’iniziativa, dal titolo “Bullo non è bello”.

Il pulsante sarà attivo dal 7 febbraio prossimo, giornata nazionale contro il bullismo. Si tratta di un progetto pilota realizzato grazie a un contributo da 5 mila euro da parte della croce rossa. La scuola è una secondaria di primo livello e abbraccia la fascia di età adolescenziale, tra gli 11 e i 14 anni, dove le relazioni fra ragazzi sono fra le più critiche.

Secondo la descrizione sul quotidiano, “Le vittime dovranno pigiare un pulsante rosso, alloggiato dentro una colonnina azzurra, per chiedere, in totale anonimato, aiuto.  Il pulsante è collegato in simultanea col numero telefonico 114 (emergenza infanzia), per il supporto psicologico, e in seconda istanza con la polizia e la Croce rossa qualora si tratti di violenze fisiche”.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito