Un piano straordinario per stabilizzare i precari. No a guerra tra poveri

di
ipsef

red – Mariangela Bastico, ex sottosegretario all’istruzione durante il governo Prodi, ha risposto tramite il sito del Partito Democratico ad una email di docenti precari che chiedevano chiarimenti sulla politica del partito relativamente ai nuovi ingressi in graduatoria stabiliti da un emendamento nel Milleproroghe. "I docenti precari – ha risposto la Bastico – possono essere stabilizzati attraverso un piano pluriennale di immissioni in ruolo."

red – Mariangela Bastico, ex sottosegretario all’istruzione durante il governo Prodi, ha risposto tramite il sito del Partito Democratico ad una email di docenti precari che chiedevano chiarimenti sulla politica del partito relativamente ai nuovi ingressi in graduatoria stabiliti da un emendamento nel Milleproroghe. "I docenti precari – ha risposto la Bastico – possono essere stabilizzati attraverso un piano pluriennale di immissioni in ruolo."

"E’ esattamente la scelta compiuta dal governo Prodi, – ha continuato – di cui ero componente come viceministro alla pubblica istruzione, con l’approvazione della legge finanziaria 2007, che stabiliva l’assunzione di 150.000 docenti e 30.000 ATA in tre anni e contestualmente trasformava le graduatorie permanenti in graduatorie ad esaurimento. Queste, a mio avviso, erano le scelte coerenti per superare il precariato nella scuola."

"Queste decisioni sono state annullate e contraddette dal governo Berlusconi, innanzitutto dai tagli insostenibili imposti da Tremonti con la legge 133/2008, la cosiddetta finanziaria estiva, e dalla riapertura delle graduatorie per il biennio 2009-10, voluta dal Ministro Gelmini e sancita dall’art.5-bis del DL 137/2008, convertito nella legge 169/2008, con il noto "pasticcio" dell’inserimento in coda nelle graduatorie di provincie diverse da quella di riferimento."

A questo l’On. Bastico imputa il consolidamento del precariato, rendendo un miraggio la stabilizzazione. "Non sbagliamo il bersaglio – ammonisce – : non sono i 9000 abilitati in educazione e strumento musicale e in scienza della formazione primaria il problema, ma le scelte di cui vi ho detto."

Altra questione toccata dalla Bastico è l’organico funzionale che ritiene prioritario per dare risposte ai supplenti annuali e può aumentare i numeri delle immissioni in ruolo. Sulla stessa lunghezza d’onda si pone "l‘approvazione di un emendamento al milleproroghe, che estende al 31 agosto 2012 il possesso dei requisiti per il pensionamento sulla base delle norme antecedenti alla riforma Fornero, decisione che, oltre ad essere giusta in se’, aumenta il numero dei pensionamenti e quindi delle nuove immissioni in ruolo".

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare