In un momento di crisi urge evitare sprechi per falsi casi di DSA

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Ufficio Stampa – Istituto di Ortofonologia IdO – "In questo momento di crisi è necessario evitare di sperperare risorse. Le linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici dell'apprendimento del ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca indicano, a buon ragione, come la percentuale di bambini con dislessia nelle scuole non sia del 15% ma si tratti di una cifra pari al 3%".

Ufficio Stampa – Istituto di Ortofonologia IdO – "In questo momento di crisi è necessario evitare di sperperare risorse. Le linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici dell'apprendimento del ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca indicano, a buon ragione, come la percentuale di bambini con dislessia nelle scuole non sia del 15% ma si tratti di una cifra pari al 3%".

 

Lo ha dichiarato il direttore dell'Istituto di Ortofonologia (IdO) di Roma – centro accreditato dal Sistema sanitario nazionale di terapia e ricerca per l'età evolutiva – Federico Bianchi di Castelbianco, che venerdì presenterà, in occasione della conferenza stampa sul tema "La scuola dell'obbligo ed i disturbi specifici dell'apprendimento", presso la sala delle conferenze stampa di Montecitorio in via della Missione 6 alle ore 11, alla presenza del responsabile dei rapporti con il mondo scuola Udc, onorevole Paola Binetti, e del membro della XII commissione Affari sociali, onorevole Mariella Bocciardo, i risultati di un'indagi ne condotta in numerose scuole materne ed elementari per individuare i bambini a rischio di disturbi specifici dell'apprendimento (Dsa).

"Questo dato – ha aggiunto Castelbianco – ci indica che le diagnosi devono essere fatte a partire dal secondo anno delle scuole elementari, non esistendo casi di dislessia improvvisa che possano manifestarsi a 10, 12 o 14 anni".

Lo psicoterapeuta dell'età evolutiva ha sottolineato, inoltre, la necessità di "evitare sprechi, perchè far acquistare alle scuole strumenti compensativi, come calcolatrici o computer, che poi non vengono adoperati, in quanto non idonei ai casi concreti, si rivela non solo dannoso come spesa ma anche pericoloso per gli studenti a cui viene così precluso un percorso di apprendimento vero".

Per il direttore dell’IdO, infine, “è doveroso fare chiarezza sull’aumento vertiginoso dei casi di Dsa, in quanto non è veritiero. Si tratta – ha precisato – di un’ondata di medicalizzazione che investe tutti quei bambini i cui comportamenti si mostrano non inquadrati in un modello prestabilito. Un fenomeno – spiega – che purtroppo riguarda molti alunni considerati dislessici solo perché presentano difficoltà scolastiche, o considerati affetti da sindrome Adhd solo perché troppo agitati, quando invece potrebbero essere depressi o presentare disturbi di condotta. Si è arrivati addirittura- ha concluso Castelbianco – a considerare la gelosia tra fratelli come sindrome di rivalità”.

In Italia troppi bambini sono considerati dislessici, ma in realtà hanno solo disturbi comuni

 

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023, diventa docente di sostegno: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, a richiesta proroga di una settimana