Un codice rosso per le scuole, testimonianze dirette delle donne vittime di violenza: “Il confronto con gli studenti è fondamentale”

WhatsApp
Telegram

Oggi la premier Giorgia Meloni ha sottolineato l’importanza di portare le vittime di violenza, o i loro parenti, nelle scuole per raccontare la loro esperienza.

Nell’ambito delle iniziative per la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che si celebra il 25 novembre, Meloni ha sottolineato come “niente è più educativo” di queste testimonianze.

Un codice rosso per le scuole

La ministra della Famiglia e delle Pari opportunità, Eugenia Roccella, ha anticipato l’introduzione del codice rosso nelle scuole per l’anno scolastico successivo. Questo progetto includerà la presenza di persone che hanno subito violenza, con l’obiettivo di sensibilizzare gli studenti sulle conseguenze della violenza stessa. Roccella ha sottolineato l’importanza di “un confronto diretto” con le vittime per “una consapevolezza crescente” che è essenziale alimentare.

Il ruolo delle testimonianze dirette

Lucia Annibali, avvocatessa sfregiata con l’acido dieci anni fa, ha sottolineato l’importanza delle testimonianze dirette nel contrasto alla violenza. La donna ha affermato che andare nelle scuole e confrontarsi con gli studenti è fondamentale per far comprendere che la violenza non è un fenomeno lontano dalla loro realtà, ma una questione che richiede un’adeguata consapevolezza e prevenzione, annota il Sole 24 Ore.

Iniziative già in atto nelle scuole italiane

Per i dirigenti scolastici queste iniziative non sono una novità, ma sono già in atto nelle scuole italiane. Tuttavia, le parole di Meloni hanno sottolineato l’importanza che la scuola può avere nella lotta contro la violenza sulle donne.

Leggi anche

Ddl contro la violenza sulle donne, pene più severe e tempi stretti per i giudici. Ecco cosa è previsto

Femminicidio, Meloni: “Portare a scuola vittime delle violenze per raccontare le loro storie”

WhatsApp
Telegram

La Dirigenza scolastica, inizio anno scolastico: la guida operativa con tutte le novità 2024/25 con circolari e documenti pronti all’uso