Per avere un buon contratto il nemico da combattere è lo spirito missionario con cui i docenti accettano incarichi sottopagati. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Libero Tassella – Io credo che il vero contrasto alla scuola della 107/2015 e al contratto dei 15 euro che si chiuderà a dicembre debba realizzarsi all’interno delle scuole e oggi la forma più incisiva è quella di dire no a incarichi e attività aggiuntive che mette in crisi la stessa logica neo autoritaria del sistema scuola che si basa sugli proprio su incarichi delegati a figure di sistema e l’aggiuntivo non pagato a costo zero o sottopagato con le mance a carico del FIS.

C’è un nemico da combattere e che gira tra le presidenze, i corridoi è le aule degli insegnanti è lo spirito servile, missionario, arrivistico, carrierista che è in alcuni di noi. E c’e un nemico ancora più insidioso che è lo spirito indifferente e impotente pronto all’inazione e al lamento.

Se prendiamo consapevolezza di ciò , avremo certamente un’arma efficace nelle nostre mani. In caso contrario è nutile ogni lamentela o recriminazione ex ante e ex post , prepariamoci al peggio anzi al sempre peggio, mala tempora currunt.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione