Un alunno su due passa l’intervallo in aula. Lo studio: “L’attività all’aria aperta potrebbe aiutare a contrastare l’obesità infantile”

WhatsApp
Telegram

La ricreazione scolastica si conferma un momento cruciale per il benessere fisico e psicologico degli studenti. Un recente studio condotto da Federico Marolla, pediatra di famiglia, insieme alle esperte di psicologia infantile Marica Notte e Daniela Renzi, getta luce sull’essenziale bisogno di attività motoria durante l’intervallo scolastico.

Lo studio, intitolato “Tutti a ricreazione… In classe o in cortile? Cosa dicono i bambini”, esplora le percezioni e le abitudini di 449 alunni della scuola primaria tra marzo e maggio 2023, evidenziando una situazione che necessita di riflessione e azione.

Sorprendentemente, il 99,3% dei bambini conferma la presenza di un intervallo mattutino, e il 98,9% afferma di avere accesso a spazi esterni idonei per le attività motorie. Tuttavia, quasi la metà degli intervistati (48,2%) passa questo tempo prezioso all’interno delle aule. Il 45,6% di loro indica l’impossibilità di uscire come principale motivo, sollevando questioni sulla politica scolastica riguardante l’attività fisica.

L’analisi della durata della ricreazione rivela che per quasi il 28% degli studenti il tempo è insufficiente, mentre il 62% lo ritiene adeguato. Solo una minima parte (10%) lo considera abbondante, segnalando una potenziale area di miglioramento per le scuole.

Gli esperti sottolineano i numerosi benefici dell’attività fisica durante l’intervallo, inclusi sviluppo motorio, cognitivo, emotivo e sociale. Inoltre, promuovere il movimento contribuisce significativamente alla lotta contro l’obesità infantile, un problema in crescita in Italia dove il 42% dei bambini tra i 5 e i 9 anni risulta obeso o in sovrappeso.

Un modello di riferimento è la Finlandia, dove il sistema educativo sottolinea il benessere degli studenti. Qui, le lezioni da 45 minuti sono intervallate da 15 minuti di pausa all’aria aperta, dimostrando l’efficacia di integrare l’attività fisica nella routine scolastica.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri