UIL Scuola: bandire il prossimo concorso solo dove graduatorie 2020 sono esaurite o in fase di esaurimento

WhatsApp
Telegram

Informativa del Ministero ai sindacati sui prossimi concorsi ordinari previsti dalla fase straordinaria PNRR, di prossima indizione. In questa riunione il Ministero ha comunicato l’ampliamento dei posti disponibili: 30.216 sono già stati autorizzati, mentre per restanti 14.438 è stata richiesta un’ulteriore autorizzazione al MEF. In questo modo si avrebbero a disposizione circa 45.mila posti, distribuiti tra infanzia/ primaria e secondaria, per varie classi di concorso.

Da dove derivano i 45 mila posti per i nuovi concorsi

All’inizio dell’estate 2023, prima delle assunzioni in ruolo, c’erano 81mila posti vacanti.

Di questi 81mila posti, 50.807 sono stati destinati alle immissioni in ruolo 2023/24 e 30.216 al primo concorso della fase straordinaria PNRR.

A questi 30.216, già autorizzati con Decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso 9 settembre, il Ministero ne vuole aggiungere 14.438, posti residui.

Non si conosce ancora la distribuzione a livello regionale e per classe di concorso

Ancora top secret quanti posti potranno essere destinati alle singole classi di concorso in ogni regione. Una situazione che crea disagio negli aspiranti.

La richiesta della UIL Scuola: concorso solo per classi di concorso con graduatorie 2020 esaurite

Al tavolo di informativa la UIL Scuola ha fatto presente la situazione dei docenti inseriti nel concorso ordinario 2020.

Molti di questi docenti infatti, che ad oggi sono attualmente nelle graduatorie di merito, in attesa del ruolo, si troveranno costretti a partecipare al prossimo concorso per non essere scavalcati dai nuovi vincitori. Come noto, infatti, i vincitori del prossimo concorso avranno priorità nell’assunzione rispetto agli idonei del concorso del 2020.

La UIL Scuola ha quindi avanzato la proposta che il prossimo concorso sia bandito solo per quelle classi di concorso e in quelle regioni nelle quali le graduatorie di merito del concorso docenti 2020 – ordinario infanzia, primaria, secondaria e STEM 2022 – siano esaurite o in fase di esaurimento.

Requisiti di accesso al primo concorso fase straordinaria PNRR

Requisiti per i posti comuni

  • laurea coerente con la classe di concorso oggetto del concorso + abilitazione per la specifica classe di concorso oppure
  • tre anni di servizio negli ultimi cinque, entro il termine di presentazione della domanda, svolti presso le scuole statali, anche non continuativi, di cui almeno uno specifico oppure
  • laurea coerente con la classe di concorso oggetto del concorso + 24 CFU conseguiti entro il 31 ottobre 2022

Gli ITP (tabella B del DPR 19/2016) possono accedere con

  • laurea di primo livello + abilitazione oppure
  • diploma di accesso alla classe di concorso (il requisito sarà in vigore fino al 31 dicembre 2024).

Per i posti di sostegno

diploma di specializzazione conseguito ai sensi del DM n. 249/2010 per il grado richiesto

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta