UIL RUA: a nuovo Governo chiediamo immissioni in ruolo precari e programma regolare di reclutamento

di redazione
ipsef

item-thumbnail

A Chianciano Terme continuano i lavori del 2° Congresso Nazionale della UIL RUA Domani nella giornata conclusiva dei lavori prevista la presenza del Segretario Generale della UIL Carmelo Barbagallo

“Al nuovo governo e alla politica chiediamo di dare seguito al processo di stabilizzazione dei precari , mantenendo in primo luogo gli impegni finanziari già assunti e supportando le singole Amministrazioni; chiediamo che si mantenga l’impegno per l’immediato rinnovo del Contratto Nazionale , che scade alla fine dell’anno”.

Lo dichiara la Segretaria Generale della UIL RUA Sonia Ostrica durante i lavori del 2° Congresso Nazionale della UIL RUA in svolgimento a Chianciano Terme, dove, domani, nella giornata conclusiva interverrà il Segretario Generale della UIL Carmelo Barbagallo.

“Da tempo sosteniamo che in Italia lo sviluppo atteso dalla Ricerca dall’Università e dall’Alta Formazione è limitato dal ridotto numero di addetti, specie se guardiamo ai dati di altri Paesi – spiega la sindacalista – . La stessa capacità di competere per i progetti europei appare da tempo fortemente condizionata dal numero relativamente esiguo di ricercatori, oltre che da un appesantimento burocratico che si registra più o meno ovunque”.

“ Per aumentare il numero degli addetti in ricerca e alta formazione va assolutamente avviato, oltre alle stabilizzazioni, un programma pluriennale e regolare di reclutamento , per dare prospettive ai più giovani ed offrire al Paese una reale possibilità di impegnare competenze elevate – continua la leader sindacale – . Per cambiare veramente è necessario riconoscere un punto fondamentale: investire in Ricerca, Innovazione ed Alta Formazione significa riconoscere e valorizzare il ruolo delle Istituzioni Pubbliche ”.

“Progettare e programmare in materia di Ricerca, Innovazione ed Alta Formazione significa prevedere possibilità di avviare attività di medio e lungo periodo, capaci di coniugare ricerca pura ed applicata. Significa intuire e sostenere linee di ricerche che potranno dare ricadute sul piano economico e sociale solo dopo anni. Significa anche credere e rischiare nell’investimento in ricerca libera e di base – conclude Sonia Ostrica -. Non si tratta di un sogno ma semplicemente di fare quello che già avviene negli Stati Uniti, in Germania ed in Giappone; quanto avviene in Cina ed in India, dove l’investimento pubblico non solo è centrale, ma funge da stimolo e traino per le imprese”.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione