Ugl Scuola: ” Nelle scuole paritarie o legalmente riconosciute sarebbe corretto nominare i supplenti dalle graduatorie ad esaurimento provinciali”

di Lalla
ipsef

Ufficio Stampa UGL Scuola Sicilia – Il Segretario Regionale dell’Ugl Scuola prof. Bartolo Pavone lancia una sfida alle istituzioni che si occupano di scuole paritarie o legalmente riconosciute. Dichiara:-" Esistono in Italia tante scuole paritarie e legalmente riconosciute dove frequentano oltre un milione di alunni! Mi chiedo:-" Basterebbero formare classi di 20 alunni per ottenere circa 50.000 posti di lavoro dove potrebbero essere chiamati i precari inclusi nelle graduatorie provinciali e successivamente in caso di esaurimento delle stesse chiamare dalle graduatorie interne di istituto, si eviterebbero disparita’ di trattamento e una giusta applicazione delle procedure verso tutti.

Ufficio Stampa UGL Scuola Sicilia – Il Segretario Regionale dell’Ugl Scuola prof. Bartolo Pavone lancia una sfida alle istituzioni che si occupano di scuole paritarie o legalmente riconosciute. Dichiara:-" Esistono in Italia tante scuole paritarie e legalmente riconosciute dove frequentano oltre un milione di alunni! Mi chiedo:-" Basterebbero formare classi di 20 alunni per ottenere circa 50.000 posti di lavoro dove potrebbero essere chiamati i precari inclusi nelle graduatorie provinciali e successivamente in caso di esaurimento delle stesse chiamare dalle graduatorie interne di istituto, si eviterebbero disparita’ di trattamento e una giusta applicazione delle procedure verso tutti.

Prosegue -affermando:-" Tale mia richiesta e’ dettata da un semplice motivo: -" Dal 1 sett. del 2000 e’ stato stabilito che il servizio prestato in queste scuole e’ da considerarsi ai fini giuridici come quello prestato nelle scuole statali e’ cioe’ 12 punti utili per l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento-".

Conclude:-"Non vedo, perche’ i Dirigenti devono e continuano a chiamare i supplenti direttamente, senza il rispetto di una graduatoria in ordine di punteggio.A Settembre, chiedero’ spiegazioni in merito al Dirigente Responsabile in Sicilia!!!!!!!!-".

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare