UGL : la Scuola fa sentire la sua voce al dicastero dell’Istruzione

di redazione

item-thumbnail

Comunicato UGL Scuola – L’atteso esito dell’incontro del CSPI, il Consiglio Superiore dell’Istruzione, inchioda alle proprie responsabilità il Ministero dell’Istruzione, con a capo il Ministro Azzolina.

Il documento finale che ne scaturisce, esprime preoccupazione per il prossimo svolgimento degli Esami di Stato, sottolineando la necessità della realizzazione di un protocollo di sicurezza a garanzia della massima tutela della salute per tutto il personale scolastico ed i maturandi, che dovrebbero presentarsi a Scuola.

In merito all’Esame di Terza media, richiedono al Dicastero dell’Istruzione che vengano estesi i tempi ristretti stabiliti tra la presentazione della tesina, ed il colloquio da fare in remoto. Riguardo la Scuola primaria, sempre per il primo ciclo, chiedono che la valutazione finale venga espressa mediante un giudizio da apporre sul documento di valutazione. Quanto espresso dal CSPI, conferma la valenza della linea sindacale, tracciata dal Segretario dell’UGL Scuola ORNELLA CUZZUPI, relativamente alla chiusura dell’a.s.2019/2020 ed in vista della ripresa delle attività didattiche per l’a.s.2020/2021, da svolgersi assolutamente in presenza, con una drastica riduzione degli alunni per classe ed un aumento degli organici.

L’UGL SCUOLA si sta battendo strenuamente, in ogni dove, affinché si determini, prontamente, una riduzione degli alunni per classe, con un numero massimo da considerare tra 15/18 discenti, affinché si incrementino sostanzialmente gli organici del personale docente, amministrativo ed ausiliario, in tutte le Istituzioni, attingendo dalle graduatorie degli ultimi concorsi e da quelle dei precari in vigore, in attesa dell’espletamento dei nuovi concorsi.

Richiediamo, inoltre, particolare attenzione verso gli alunni svantaggiati ed in situazione di handicap, già penalizzati in questa fase finale dell’anno scolastico in corso, a causa della pandemia, e l’assunzione di un numero maggiore si docenti destinati alla loro formazione.

Si dia il via libera, urgentemente, al rinnovo delle graduatorie d’istituto e si proceda all’assunzione di Docenti ed ATA, per ridare la giusta credibilità al Mondo della Scuola, che chiede rispetto e considerazione, in virtù dell’alto valore sociale ricoperto.

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione