UGL. Per alcune classi di concorso graduatorie vuote ma niente immissioni

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

UGL – “Suggeriamo al ministro Giannini, che finalmente ha parlato delle numerose criticità della scuola nel nostro Paese oltre quella dell’edilizia, di intraprendere un percorso di riforma affrontando il sistema nel suo insieme e non cercando di ‘disinnescare singole bombe’”. Lo dichiara in una nota il segretario nazionale dell’Ugl Scuola, Giuseppe Mascolo

UGL – “Suggeriamo al ministro Giannini, che finalmente ha parlato delle numerose criticità della scuola nel nostro Paese oltre quella dell’edilizia, di intraprendere un percorso di riforma affrontando il sistema nel suo insieme e non cercando di ‘disinnescare singole bombe’”. Lo dichiara in una nota il segretario nazionale dell’Ugl Scuola, Giuseppe Mascolo

aggiungendo che “l’impegno di introdurre un sistema di premialità e di meritocrazia incontra il nostro consenso, ma al tempo stesso solleva non poche preoccupazioni, visto che tali valutazioni dovrebbero essere oggetto di regole precise, preventivamente concordate con le parti sociali, e frutto di un capillare lavoro collegiale, non di decisioni unilaterali”.

“Inoltre – prosegue – pur consapevoli dell’importanza delle paritarie, ribadiamo la necessità di far confluire maggiori risorse sulla scuola pubblica, permettendole di fornire un servizio di qualità e di adeguarsi alla continua evoluzione del mercato del lavoro”.

“Ricordiamo infine al ministro – conclude il sindacalista – un altro problema ancora in attesa di soluzione, emerso nel corso del piano di mobilitazione disposto dalla nostra Federazione su tutto il territorio nazionale: per alcune classi di concorso, nonostante le graduatorie siano esaurite, non solo non si procede ancora alle immissioni in ruolo, ma non sono state finora previste nemmeno forme di riconversione professionale mirata”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur