Ufficio scolastico Emilia Romagna, studio su Adolescenti eremiti sociali

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’ufficio scolastico regionale dell’Emilia Romagna ha pubblicato un rapporto sugli studenti ritirati in casa per problemi psicologici dispersione scolastica.

Nell’ allegato scaricabile dal sito dell’Ufficio scolastico regionale è stato evidenziato che nelle scuole dell’Emilia-Romagna, in questi anni, si sta
registrando un numero crescente di abbandoni scolastici di ragazzi che presentano particolari tipologie di disagio nei rapporti sociali; un disagio profondo, che arriva fino al rifiuto di contatti con altre persone e, a volte, anche con la propria famiglia.

Nei casi più estremi di ritiro sociale, vi sono ragazzi che non escono dalle loro stanze e vivono le relazioni soltanto sui social e tramite Internet.

Fra di i dati evidenziati nel rapporto, forniti dalla Sanità regionale, nel 2015 sono stati registrati 78 casi con codice ICD10 4 F40.1 (riferito appunto al ritiro sociale) seguiti dai Servizi di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza.

Grazie ad una consolidata collaborazione con l’Usr, l’Ordine degli Psicologi dell’Emilia-Romagna ha effettuato una rilevazione dei casi in carico ai propri iscritti. Il numero, risultato di 258 minori seguiti da psicologi privati nel 2016, può costituire un interessante orizzonte per la rilevazione presentata.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione