UE, Valditara: “verso lo spazio Europeo dell’Istruzione entro il 2025”

WhatsApp
Telegram

Si è tenuto questa mattina, presso la sede dalla delegazione UE della Regione Lombardia, l’incontro tra il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, e il Coordinamento degli Uffici delle Regioni e delle Province autonome italiane presenti a Bruxelles.

“È stato un confronto molto stimolante e operativo. Tra i temi chiave trattati, su cui si è registrata una proficua convergenza, la collaborazione tra mondo dell’istruzione e della formazione e il mondo del lavoro e dell’industria”, ha commentato Valditara.

Il Ministro ha invitato i rappresentanti delle Regioni e delle Province autonome a presentare proposte concrete per stimolare un uso mirato dei finanziamenti europei per i settori dell’istruzione e della formazione, in particolare il Fondo europeo per gli investimenti e il Fondo per una transizione giusta. Il confronto ha fatto emergere temi strategici su cui gli interessi di Regioni e Province autonome e mondo dell’istruzione convergono, come la formazione dei docenti e dei formatori, lo sviluppo di competenze per accompagnare le transizioni ecologica e digitale, soprattutto nei settori industriali in cui si registrano le maggiori carenze, gli investimenti del PNRR sull’istruzione.

Inoltre, nella riunione del Consiglio dei Ministri dell’Istruzione dell’UE che si è svolto oggi a Bruxelles, l’Italia – rappresentata dal Ministro Valditara – ha approvato la Risoluzione per la realizzazione dello Spazio Europeo dell’Istruzione entro il 2025. Inoltre, sono state adottate le Conclusioni del Consiglio su ulteriori misure per tradurre in realtà il riconoscimento reciproco automatico dei titoli di studio, delle qualifiche e dei periodi di studio all’estero, nell’istruzione secondaria di II grado e nell’istruzione superiore, nonché in quella tecnica e professionale.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno IX ciclo. Segui un metodo vincente. Non perderti la diretta di oggi su: “Intelligenza emotiva, creatività e pensiero divergente”