UDS. Studenti attaccano su facebook la pagina più grande delle Luci d’Artista, evento sostenuto dal lavoro gratuito dell’alternanza scuola-lavoro

di redazione
ipsef

item-thumbnail

UDS Salerno – Oggi, 4 Ottobre, ad un mese dall’inizio delle Luci d’Artista, come Unione degli Studenti Salerno abbiamo preso di mira la pagina facebook delle Luci con più likes (oltre novantamila, questo è il link-> goo.gl/DiCnVo) per colpirla e recensirla in massa negativamente con una stella, al punto che hanno dovuto bloccare le recensioni!

 Abbiamo colpito le Luci d’Artista perché è stato l’evento salernitano che ha maggiormente usufruito dell’alternanza scuola-lavoro e, in questo caso, della manodopera gratuita di studentesse e studenti, per risparmiare sul costo del lavoro. Siamo stati in centinaia e centinaia a lavorare gratuitamente, costretti dall’obbligatorietà dell’alternanza scuola-lavoro e dalle convenzioni che le nostre scuole hanno preso con il Comune di Salerno. Info-point, accoglienza e guide turistiche sono state le mansioni che maggiormente abbiamo svolto, con orari continuati e ritmi non sempre sostenibili. Abbiamo scelto di colpire questo evento perché ben rappresenta le finalità dell’alternanza scuola-lavoro: sostituire lavoratori pagati per svolgere il proprio mestieri con studenti che svolgono le stesse mansioni gratuitamente, con la retorica dell’esperienza e della formazione. Ma noi non ci stiamo, non vogliamo essere sfruttati e non siamo merce spostabile e usufruibile a vostro piacimento. Tutto ciò va solo a scapito del nostro tempo, della nostra formazione e del nostro diritto allo studio. Noi non ci stiamo più! Quello che è successo oggi è stato solo il primo passo di un percorso nel quale lotteremo contro l’alternanza-sfruttamento. Il prossimo passo sarà l’Assemblea Pubblica che si terrà a Santa Teresa il 7 Ottobre alle 16:30. Discuteremo e ci confronteremo sui nostri percorsi di alternanza e capiremo come fare in modo che siamo noi studenti a decidere sui percorsi, sugli altri problemi delle scuole locali, e organizzeremo il primo storico sciopero vero e proprio delle studentesse e degli studenti il 13 Ottobre, contro lo sfruttamento e le diseguaglianze, per un’istruzione gratuita e di qualità. Indosseremo le tute blu, simbolo dei lavoratori sfruttati, e invitiamo chiunque sostenga la causa di vestirsi quel giorno di quel colore, perché al loro trattarci da lavoratori sfruttati noi incrociamo le braccia, ci riprendiamo il nostro tempo e la nostra dignità, e scendiamo in piazza! Rompiamo la catena dello sfruttamento, nel quale noi studenti siamo l’ultimo anello!

Link utili:
evento facebook assemblea pubblica 7 Ottobre -> goo.gl/jZtjfR
inchiesta regionale sull’alternanza scuola-lavoro in Campania -> goo.gl/irFXNr
appello nazionale per l’adesione allo sciopero dell’alternanza -> goo.gl/9j2Lpz
Versione stampabile
anief
soloformazione