UDS. “No aiuti alle scuole paritarie: daremo battaglia dal 12 marzo!”

WhatsApp
Telegram

Comunicato dell' UNIONE DEGLI STUDENTI – Apprendiamo a mezzo stampa della volontà di 44 deputati appartenenti a gruppi parlamentari di maggioranza in una lettera-appello al presidente del Consiglio, pubblicata oggi dal quotidiano Avvenire, di voler favorire ulteriormente le scuole private.

Comunicato dell' UNIONE DEGLI STUDENTI – Apprendiamo a mezzo stampa della volontà di 44 deputati appartenenti a gruppi parlamentari di maggioranza in una lettera-appello al presidente del Consiglio, pubblicata oggi dal quotidiano Avvenire, di voler favorire ulteriormente le scuole private.

"La lettera dei parlamentari è vergognosa e siamo pronti a dar battaglia qualora le loro idee venissero prese realmente in considerazione a partire dalla giornata di mobilitazione nazionale studentesca del 12 marzo <http://www.unionedeglistudenti.net/sito/il-12-marzo-torniamo-in-piazza-non-un-passo-indietro/> – dichiara Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell'Unione degli Studenti – I fondi alle scuole paritarie private, oltre ad essere un vero e proprio spreco, sono uno schiaffo alla dignità alla scuola pubblica e alle migliaia di studenti, insegnanti e famiglie che le frequentano. La scuola pubblica vive una situazione drammatica, massacrata dai tagli degli ultimi sei anni e pensare di equiparare sulla scala delle priorità il finanziamento delle private è offensivo."

"Non accettiamo ulteriori sgravi alle scuole private attraverso la detrazione fiscale, buoni scuola e nuovi finanziamenti – continua Lampis- Le dichiarazioni del sottosegretario all’Istruzione Gabriele Toccafondi di pochi giorni fa in merito a nuove soluzioni per garantire la parità scolastica, che verrebbero presentate il 3 marzo nel Consiglio dei Ministri, purtroppo sono in linea con la richiesta dei 44 parlamentari.

Loro dicono che la scuola privata sta diventando una scuola per ricchi: oltre a danneggiarci vogliono pure beffarsi di noi. E' la scuola pubblica, quella dove va circa il 90% degli studenti, che sta diventando sempre più costosa per l'inesistenza di investimenti pubblici e diritto allo studio!"
"Noi pensiamo che sia giunto il momento di azzerare definitivamente i fondi alle scuole paritarie private e rivendichiamo la modifica della legge 62/2000 con la separazione tra scuole private e scuole pubbliche non statali, in modo tale che si possano azzerare i finanziamenti alle private senza danneggiare le scuole pubbliche non statali che rientrano ad oggi tra le paritarie"

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur